Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Il tabaccaio di Vienna
 
Fran Huchel è un ragazzo di diciassette anni, che vive insieme alla madre in un piccolo capanno da pesca nel borgo di Nußdorf am Attersee.
Fino a quel momento la sua vita era trascorsa in maniera tranquilla, passando le sue giornate a oziare per le vie del paesino. Quando peró l'amante della madre, nonchè loro benefattore, muore, Franz è costretto a recarsi a Vienna. Qui inizia a lavorare come apprendista tabaccaio nella bottega di un amico di famiglia, Otto Trsnjek. Tra i vari clienti che frequentano la tabaccheria, Franz ha l'onore di incontrare il famoso padre della psicanalisi, Sigmund Freud, con il quale instaura un'amicizia basata sullo scambio continuo di domande e risposte, incentrate soprattutto sull'universo femminile, al quale anche il piú illustre studioso di psicologia non sa pienamente rispondere. A Vienna, Franz è immerso in un mondo completamente diverso da quello della sua infanzia: la città è attiva, dinamica e moderna, e, oltre alla conoscenza di una ragazza che lo sconvolge totalmente, ha occasione di allargare i confini del suo sapere e di crearsi opinioni proprie a proposito della società in cambiamento, dell'ascesa di Hitler e dell'antisemitismo che in quegli anni, la fine degli anni 30 del Novecento, va via via diffondendosi in tutta Europa. Il testo (220 pagine) di Robert Seethaler è edito in Italia da Rizzoli Editore ed in vendita ad euro €18,00. (NL)
 
16/02/2015 08:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.