Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Italia 1911. Musica e società alla fine della Belle Époque
 
Nel 1911 ricorreva in Italia il cinquantenario dell’Unità: fin dal 1905 il comune di Roma decise di promuovere feste per celebrare la significativa ricorrenza, per far conoscere i traguardi ottenuti dalla giovane nazione italiana.
Il volume si presenta come un grande raccoglitore di quindici saggi, che prendono in generale in esame il decennio 1906-1915: accanto a contributi dedicati alle strutture e alle istituzioni musicali (teatro, concerti, case discografiche), si affiancano saggi riguardanti la creazione dei differenti generi, il dibattito giornalistico e musicologico, nonché le esposizioni di Roma e Torino per il Giubileo della Patria. La musica, da sempre presente nelle manifestazioni del tardo Ottocento italiano, a partire dal 1911 assunse un ruolo significativo, prevedendo concerti sinfonici, stagioni d’opera, balletti, concorsi di bande e cori che ben sottolineavano l’esigenza di aggiornare e valorizzare il repertorio nazionale. La centralità della musica praticata in casa che aveva caratterizzato tutto il XIX secolo, come evidenziato nell’introduzione dalla curatrice del presente volume Bianca Maria Antolini, cominciò dai primi anni del ‘900 a perdere terreno di fronte alla rivoluzione fonografica: si assistette in quegli anni al miglioramento delle tecnologie di riproduzione del suono, alla diffusione del grammofono, all’insediamento in Italia di succursali di case discografiche straniere, infine alla nascita dell’industria discografica italiana a Milano e Napoli. Negli anni attorno al 1911, come sottolinea il contributo di Matteo Capra, la musica giocò un ruolo chiave nel dibattito giornalistico, essendo presente su quotidiani e riviste specializzate che approfondivano ampiamente la tematica. Il volume getta un vasto sguardo d’insieme che testimonia come la molteplicità delle occasioni musicali, la varietà delle scelte compositive e la ricchezza del dibattito sulla musica abbiano caratterizzato quest’era piena di contraddizioni e, forse per ciò stesso, molto feconda. Il testo edito da Guerini Editore (www.guerini.it), è disponibile alla vendita al costo di € 25.00. (V.R. per NL)
 
20/09/2014 16:32
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.