Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. L’azienda agricola
 
L’impresa agricola cresce nonostante la profonda e ristagnante crisi che assedia i nostri mercati e le nostre famiglie. Nel primo semestre del 2013, secondo i dati Unioncamere, le nuove iniziative imprenditoriali avviate nel settore dell’agricoltura hanno superato le 11.000 unità.
Fra le motivazioni registrate nell’avviare una impresa agricola si trova la successione a un familiare, l’auto-impiego, la necessità di trovare un primo o nuovo sbocco lavorativo e l’auto-realizzazione. Tuttavia, in ambito amministrativo le organizzazioni di categoria denunciano una recrudescenza della pesantezza burocratica capace di soffocare ogni iniziativa. Il comparto agricolo chiede a gran voce una vera semplificazione delle norme sia statali che regionali, chiede chiarezza nei vari ambiti compreso quello contabile, fiscale e tributario. Nel dettaglio nel testo vengono analizzate in primis la figura dell’imprenditore agricolo, i suoi requisiti e le attività connesse, per poi passare nel secondo capitolo alle modalità di iscrizione nel registro delle imprese e le eventuali procedure di cessazione di attività; il terzo capitolo lascia spazio agli obblighi contabili, ai registri delle fatture e ai bilanci societari ed è seguito da una lunga digressione sul regime IVA agricolo e sulle tasse statali che competono agli addetti al settore. Chiudono il testo un capitolo sulla vendita dei prodotti agricoli e sulle strategie commerciali e uno sugli scambi e i contratti ad esse relative. Mario Frascarelli, autore del testo inserisce nel finale un'appendice normativa che riporta la Legge delega al Governo 7 marzo 2003, n. 38 recante "Disposizioni in materia di agricoltura" e due dei decreti legislativi emanati in base ad essa (il D. Lgs. 99/2004 ed il D. Lgs. 101/2005) nonché gli articoli del Decreto Legge 3 ottobre 2006, n. 262 recanti disposizioni in materia tributaria e finanziaria per il settore agricolo. Il testo si configura come una guida eminentemente pratica, aggiornata con le ultime novità fiscali e tributarie: un valido ausilio a fianco di coloro che si affacciano per la prima volta nel comparto agricolo e di coloro che già operano nel settore. Il volume, edito da Fag Edizioni Milano (www.fag.it) è in vendita al costo di € 25.00. (V.R. per NL)
 
11/06/2014 13:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.