Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri, La libertà di Stampa nel diritto canonico
 
La monografia ha per oggetto l’evoluzione storica della normativa canonica circa la stampa, a partire dal xv secolo fino ai giorni nostri.
Il problema del controllo degli scritti, che aveva già trovato spazio nella teologia e nella canonistica medievali divenne, a partire dal XVI secolo, uno dei tratti caratterizzanti della difesa dell’unità di fede contro il pericolo sempre più evidente costituito dalla rapida diffusione dei testi stampati. Attraverso i sei capitoli del testo, Giuseppe Comotti, docente associato di diritto canonico ed ecclesiastico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Verona e docente incaricato nella Facoltà di Diritto canonico “S. Pio X” di Venezia, illustra al lettore il passaggio dall’articolato sistema censorio ecclesiastico, che aveva trovato peculiare espressione nell’Index librorum prohibitorum, alla disciplina vigente circa la pubblicazione degli scritti dei fedeli contenuta nel Codice di diritto canonico e nella legislazione speciale sulle competenze al riguardo attribuite alla Congregazione per la Dottrina della Fede. La correlazione tra la missione evangelizzatrice della Chiesa e l’impegno al riconoscimento, alla tutela ed alla promozione dei diritti della persona umana, obbligano le istituzioni ad un esame costante della propria legislazione e dei propri piani di azione. Il testo, edito da Marcianum Press (www.marcianumpress.it‎), è disponibile in vendita a euro 23,00. (V.R. per NL)
 
11/03/2014 10:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Nessun sequestro civile preventivo di giornali online nel caso di pubblicazioni sospette di diffamazione; non è neppure ammissibile l’ordine di cancellazione o di oscuramento di una o più pagine di stampa di testate telematiche, tramite il ricorso all’azione inibitoria ex art. 700 c.p.c.
“I media sono lo specchio della nostra società, se sono liberi e critici siamo liberi e siamo sicuri anche noi”: così si è recentemente espressa Federica Morgherini, capo della diplomazia europea, in occasione della Giornata internazionale per mettere fine all’impunità per i crimini contro i giornalisti (istituita nel 2014 dall’Unesco) che si è celebrata il 2 novembre.
Le recenti sentenze del Consiglio d'Europa emesse contro l'Italia per il non rispetto della libertà di stampa e l'incarcerazione per diffamazione del giornalista Francesco Gangemi venerdì scorso, mostrano nuovamente "che le leggi e le pratiche italiane sono inadeguate a proteggere la libertà d'espressione".
"La sentenza che manda in carcere Sallusti è il risultato sconvolgente di una norma orrenda del nostro codice, incompatibile con le democrazie avanzate e liberali e con i canoni delle democrazie europee".
Si è tenuto ieri sera, presso il palazzo Ybl, a Budapest, un convegno promosso da Common Sense Society, organizzazione non governativa che si occupa di promuovere la cooperazione e l'impegno pubblico tra i cittadini ungheresi, grazie alla collaborazione con numerose università, imprese ed enti pubblici, e alla pianificazione di eventi e simposi su temi legati all'impegno civile.