Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. NEET. Giovani che non studiano e non lavorano

Camminano verso il futuro senza alcuna direzione prestabilita, presenti nel mondo eppure così disperatamente fuori da esso, sempre più disincantati e disillusi, senza palpabili prospettive di lavoro, senza un ruolo ben definito nella società, con il costante timore di essere marginalizzati e di rinunciare definitivamente ai propri sogni.
Sono i Neet (acronimo inglese per Not in Education, Employment or Training), i giovani che non studiano e non lavorano: il fenomeno, in crescita esponenziale, mostra dati allarmanti, tanto che si comincia a parlare di loro come di una “generazione perduta”. L’inutilizzo di questa fetta generazionale comporta inevitabili conseguenze sul piano sociale ed economico, perché i giovani rappresentano la componente più importante per la produzione di benessere in un Paese. Anche l’Italia viene attraversata per intero dalla suddetta problematica: nel 2014 la penisola ha raggiunto infatti il record europeo di Neet. Come si è giunti a questa difficile situazione? Cosa fare per arginare e risolvere il problema? Parte proprio da queste domande il libro-inchiesta di Alessandro Rosina, professore ordinario di demografia e statistica sociale dell’Università Cattolica di Milano e presidente dell’Associazione ITalents sociale. L’autore individua le responsabilità dei vari attori istituzionali, economici, sociali, svelandone limiti ed inefficienze; con un’intensa esposizione, comprovata da dati di ricerche scientifiche alla mano, ipotizza un valido percorso di riscatto, che passa attraverso uno sguardo più consapevole verso le nuove generazioni, l’attenzione ai giovani talenti, l’investimento nelle nuove competenze, il sostegno delle idee, della volontà, dei sogni, dell’intraprendenza. Il testo, edito da Vita e Pensiero (www.vitaepensiero.it) è in vendita al prezzo di € 12,00. (S.F. per NL)

09/11/2015 15:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.