Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Swap tra banche e clienti: i contratti e le condotte
 
La qualificazione civilistica dei contratti derivati, e in particolare degli swap, è oggetto di numerosissime pronunce della giurisprudenza alle quali seguono anche sentenze penali ed amministrative.
La maggior parte delle vicende processuali non si è ancora conclusa e la tematica resta quindi vivissima. La dottrina si è attardata, e si attarda, su questioni letteralmente estranee al tema, prima fra tutte l'efficacia della dichiarazione autoreferenziale di "operatore qualificato", considerata, misteriosamente, come la cartina di tornasole per stabilire se uno swap è buono o cattivo. Il testo - curato da Daniele Maffeis (professore straordinario di Diritto Privato presso l’Università degli Studi di Brescia) e contenente contributi di studiosi di diritto civile e commerciale – si inserisce nella nuova serie dei Quaderni di banca, borsa e titoli di credito, con uno scambio di opinioni spesso divergenti, ma al contempo estremamente approfondite. Gli esperti esaminano gli aspetti essenziali del compito del giurista, che dovrebbe porsi come obiettivo la comprensione dei fenomeni, prima di avanzare improvvisate proposte in chiave puramente rimediale (per evitare la genericissima, e per nulla scientifica - prospettiva dell'alternativa secca tra "liberalismo" o "paternalismo"). Cosa sono gli scenari probabilistici? Cosa è il mark to market? Cosa si intende per costi impliciti? Che senso ha distinguere tra distribuzione qualitativa dell'alea e media ponderata delle distribuzioni di probabilità? Cosa implica la distinzione tra scopo di copertura e scopo speculativo? Perché l'intermediario finanziario, all'alba del terzo millennio, è il nuovo titolare di un ufficio di diritto privato? Quali sono i caratteri dell'ordine pubblico di direzione e di protezione nella materia dell'intermediazione finanziaria? Gli swap presentano una causa socialmente tipica o tratti strutturali tendenzialmente omogenei? Entro quali limiti sono meritevoli di tutela? E' utile la prospettiva della causa in concreto? Il quaderno risulta improntato all’indagine in ambito civilistico, fornendo risposte basate sull’esperienza che la giurisprudenza ha maturato in questi ultimi anni. Le sentenze sono molteplici, ma la sensazione è una sola: anche in finanza, il diritto non può lasciare il campo libero alla tecnica. Il testo, edito da Giuffrè (www.giuffre.it), è in vendita al costo di € 38,00. (V.R. per NL)
 
24/03/2014 16:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.