Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
LifeGate Radio onDrivecast: numerosi accessi e nuove funzionalità per il canale dell’emittente di Marco Roveda
Essere online è indispensabile. Ma per raccogliere i consensi del pubblico di ascoltatori non è sufficiente. Generalmente, infatti, l’esperienza di internet, qualunque sia il settore professionale cui è connessa, necessita di molta attenzione.
Altrimenti, la presenza di una radio in un circuito online, quanto quella di un quotidiano tra le fila dei periodici telematici, perde senso e non riesce a stabilire un determinato rapporto con ascoltatori e lettori. Ergo, non diventa uno strumento interessante per chi raccoglie pubblicità per muovere gli ingranaggi della propria azienda. Chi invece rimane online “con la testa” riesce ad avere successo, sviluppando progetti che sempre più velocemente sembrano godere di vita propria e ricevono il consenso, nonché l’interesse degli internauti. Chi questa filosofia la conosce bene è l’emittente LifeGate Radio che, dopo aver riconosciuto funzionalità e affidabilità della tecnologia ha scelto, di concerto con lo staff di Inrete e Consultmedia, di ampliare l’offerta sul canale onDrivecast, allo scopo di soddisfare il sempre maggiore numero di utenti che ascolta l’emittente a “Impatto Zero” a mezzo di questo canale. Ora, dal browser sarà possibile non solo ascoltare la diretta, ma anche impostare la registrazione automatica dei podcast più seguiti online e in etere: trattasi di Life In Blues di Fabio Treves, Illogica Allegria di Basilio Santoro, Coverville di Romane Bonavia e La Stanza dello Scirocco di Basilio Santoro ed Eleonora Mazzola (foto). Naturalmente, l’ascolto di tutto ciò rimarrà garantito su tutte le periferiche connesse a Drivecast in modo sincronizzato (smetti di sentire un programma sull’iPhone? Puoi ricominciare dallo stesso punto su un altro dispositivo): dispositivi Apple; cellulari, smartphone e tablet operanti su piattaforma Android; televisori internet-ready di marca Philips e Samsung; decoder BlobBox. Insomma, onDrivecast ha funzionato per LifeGate e sta migliorando sensibilmente la veicolazione dello streaming online di tanti altri iscritti (anche non aderenti al progetto onDrivecast). E rimane in attesa di integrare i podcast video delle puntate preferite dagli ascoltatori, o dei contenuti delle migliori web tv, che a quel punto potranno essere visualizzate comodamente sugli schermi tradizionali. Chi sarà il prossimo? (M.M. per NL)
01/03/2011 15:31
 
NOTIZIE CORRELATE
A Milano, in Lombardia e più in generale nel nord Italia, le ultime settimane di gennaio hanno segnato una timida ma evidente ripresa del mercato della pubblicità locale (quella nazionale aveva già apposto il segno più da molti mesi).
iPhone diventa ricevitore radio universale? Quasi, visto che garantendo la ricezione del flusso streaming (i cui fruitori sono in costante aumento, come dimostra il successo di soluzioni del pari di Drivecast), della modulazione di frequenza e del DAB si raggiunge il 99,9% dell'utenza radiofonica.
Con internet la tua radio è ovunque. Non c’è dubbio sulla questione, ma se a trasmetterti ovunque è un solo software si semplifica la vita anche all’ascoltatore.
Tutto in una sola applicazione. Questo è il claim più rappresentativo per Drivecast, media manager che attraverso la tecnologia on the cloud permette la veicolazione di contenuti audio e video, anche in diretta, su diverse piattaforme connesse al web.
Pagine web non funzionanti, grafiche sconnesse, dati non aggiornati e scarsa adattabilità a browser diversi da Internet Explorer: così può essere sintetizzato lo scenario costituito dalla maggior parte dei siti web delle emittenti private (radio e tv) italiane.