Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Media, dati Agcom: stabile radio, editoria in recessione. Tv, Rai e Mediaset regine ascolti tv. Su Google e Whatsapp

Rai e Mediaset continuano a regnare incontrastate sugli ascolti televisivi, ma è Fox (Sky) a registrare i maggiori ricavi all'interno del Sic (Sistema integrato delle comunicazioni) relativo al 2014, davanti a Fininvest e Rai.
Quotidiani in continua recessione, con -6,5% nelle vendite di settembre 2015, rispetto al mese omologo del 2014. Bene la radio, con ascolti stabili e più concentrati nelle emittenti leader. Quasi il 95% degli utenti che navigano sul web passano attraverso Google, con Whatsapp che avanza e conquista ben tre posizioni rispetto a settembre 2014: queste sono alcune delle rilevazioni fornite dall’Osservatorio sulle Comunicazioni di Agcom, nella sua quarta edizione del 2015. Per quanto riguarda gli ascolti, l’Osservatorio mostra come Rai e Mediaset abbiano subito una significativa flessione in cinque anni: nel giorno medio, Rai scende dal 41,3% al 36,3% del settembre 2015, il Biscione dal 37,4% al 31,8%. Nonostante l’inversione di marcia, i due principali operatori continuano a primeggiare con notevole vantaggio rispetto agli altri soggetti: Sky-Fox e Discovery sono entrambi al 6,9% (nel 2010 il gruppo guidato da Marinella Soldi era all' 1% di share), La 7 è al 3,4% nel giorno medio, Viacom all' 1,5%. Le altre emittenti (comprese le tv locali) raggiungono una quota complessiva pari al 13,3%, perdendo lo 0,8% rispetto a giugno, un dato che sicuramente indica una malcelata precarietà finanziaria crescente del settore, accentuata dal passaggio al digitale e dall' incertezza sull'uso delle frequenze terrestri non coordinate, cioè non assegnate all' Italia in sede internazionale. Per quanto riguarda i quotidiani, i dati sono quelli dell'Ads (Accertamenti Diffusione Stampa, società che certifica e divulga i dati relativi alla stampa quotidiana e periodica in Italia), rilevati su 64 testate: le vendite subiscono una flessione di circa 350mila copie nel settembre 2015 rispetto a giugno 2014. Nella radio guidano, nel primo semestre del 2015, Rtl 102.5 con il 19,3% di quota d' ascolto, seguita da Rds 100% Grandi Successi, che, con il 13,6% di quota, scavalca Radio Dee Jay rispetto al primo semestre 2014. Il ranking per utenti unici di Internet, secondo i dati di settembre 2015 raccolti da Audiweb, vede stabili nelle prime tre posizioni Google, Facebook e Microsoft, con Google che ha il 94,1% degli utenti che hanno visitato un sito o utilizzato un'applicazione. Facebook registra l'80%, ma ha un tempo medio mensile di navigazione a persona pari a 14 ore e otto minuti rispetto alle cinque ore e 24 minuti di Google. Al quarto posto, guadagnando tre posizioni, arriva WhatsApp, con nove ore e 42 minuti di tempo medio mensile a persona. I dati del Sistema Integrato delle Comunicazioni di Agcom segnano 17,4 mld complessivi nel 2014, che indicano una contrazione del 2,8% sul 2013. Dal 2007 la flessione è intorno al 30%. La distribuzione delle risorse è molto concentrata: sono solo venti i soggetti (Internet incluso), a controllare il 70% dei ricavi complessivi. Per quanto concerne l'indice dei prezzi da settembre 2011 a quello del 2015, salgono i quotidiani (+22,2%), le pay tv (15,9%) e il canone Rai (+2,7%) mentre restano invariati i prezzi dei periodici. Quanto ai bilanci, infine, tutti i settori sui quali Agcom ha fornito un quadro di sintesi hanno ridotto i ricavi nel quinquennio 2010-2014, con una notevole recessione dell'editoria (-31,2%) pari a oltre 2 mld di euro, mentre il settore televisivo subisce una perdita pari al 15,7% (1,5 miliardi, di cui un miliardo in meno di risorse pubblicitarie). Bene la pay tv che segna un notevole aumento delle risorse. (S.F. per NL)
10/01/2016 15:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Attraverso il provvedimento in titolo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha fissato le misure della contribuzione dovute per l’anno 2017 dai soggetti operanti nei settori delle comunicazioni elettroniche e dei servizi di media, nonché le modalità di versamento e il modello telematico per la dichiarazione dei dati (che sarà pubblicato con successivo provvedimento).