Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Media. Italiani incollati a tv, radio e web anche durante le vacanze
Informazione sempre piu' presente nella vita degli italiani, anche in estate. Televisione, radio e internet i mezzi piu' 'accesi'. Ogni giorno, mediamente, quasi 3 ore per la tv e due ore e 8 minuti per radio e internet.
Usati non solo in casa ma anche fuori, magari per rendere piu' piacevoli gli spostamenti in macchina o sui mezzi pubblici. Questo il quadro che emerge da un sondaggio realizzato dalla Camera di commercio di Milano attraverso Digicamere con metodo C.A.T.I. effettuato in tre citta' italiane, Milano, Roma e Napoli e basato su un campione di 600 interviste. Il 27,6% di chi utilizza la rete, lo fa per approfondire tematiche di proprio interesse e piu' di uno su cinque (22,2%) per leggere i siti dei giornali on line. Il 18,3% partecipa a social network e l'11,5% utilizza il web per ricevere aggiornamenti dai siti di proprio interesse (newsletter). Il 7,3% scarica programmi e film gratuitamente mentre uno su venti guarda i siti delle televisioni con filmati. E tra i personaggi televisivi, i preferiti sono i conduttori, con Gerry Scotti e Paolo Bonolis ai primi posti. Antonella Clerici e Simona Ventura sono le donne della tv piu' amate dagli italiani. (AGI)
 
 
17/08/2010 16:56
 

Informàti

Potete per favore tenerci informati sullo scempio previsto per webradio e webtv? Tassarle, irregimentarle, allinearle (come adempimenti ed obblighi) alle tv tradizionali chiaramente le ammazza e crea un caso penso unico in europa. Grazie.
 
P.s. siete l'unico periodico del settore con una certa dignità e che manifesta quando serve la giusta indignazione che, naturalmente, è del tutto assente nei diretti interessati (paiono narcotizzati alla nascita).
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Il prossimo anno porterà diverse novità nel settore digitale nell'Unione Europea. A partire dal 15/06/2017, i costi delle chiamate, dei messaggi e del traffico internet saranno uniformati in tutta l'Unione e per prevenire frodi e abusi verrà vietato l'acquisto di sim in paesi diversi da quello di residenza (paesi nei quali, ad esempio, si applicano costi d'acquisto inferiori).
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Via libera definitivo della Camera al ddl editoria, che disciplina principalmente il sostegno pubblico al settore. Ecco, in sintesi, il testo trasmesso al Senato.