Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Media. Presentato a Londra piano sviluppo Mediaset: nel 2020 miglioramento EBIT attività Italia per 468 mln

Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.
Il Consiglio di Amministrazione Mediaset, riunitosi il 17/01, ha esaminato tra gli altri punti all'ordine del giorno il documento sulle linee guida di sviluppo e sui target economico-finanziari che il management della società ha poi presentato il giorno successivo agli analisti finanziari di stanza a Londra. Il documento - disponibile online nell'area Investor Center del sito mediaset.it - esplicita la road map messa a punto dal management "per rafforzare la leadership pubblicitaria crossmediale costruita da Mediaset negli ultimi anni. Una leadership unica, esercitata in tv, internet e radio, che nel 2016 ha visto la raccolta pubblicitaria complessiva Mediaset crescere ulteriormente del 4,0% rispetto al 2015 (+2,8% senza considerare il contributo del polo radiofonico acquisito nel 2016)", spiega una nota del Biscione, che aggiunge che "La crescita futura sarà costruita sia attraverso lo sviluppo di contenuti locali e internazionali, innovative partnership internazionali come la recente Studio 71, nuovi contenuti "online first" e il lancio di una piattaforma OTT AvoD di nuova generazione, sia attraverso lo sviluppo anche digitale dell'offerta pubblicitaria Mediaset. Sul lato delle efficienze, due gli ambiti di azione principali. Da un lato sono già operative le attività con Mediaset España per la coproduzione internazionale di contenuti, attività estendibili anche ad altri broadcaster europei. Dall'altro, oltre alle fisiologiche efficienze frutto dell'ottimizzazione dovuta al pieno utilizzo delle opportunità tecnologiche, una rifocalizzazione dell'area pay tv organizzata su due piani. Rendere disponibili i canali pay prodotti da Mediaset anche ad altri operatori, e contemporaneamente aprire la piattaforma tecnologica Premium - unica esistente in Italia sul digitale terrestre - a tutti i produttori di contenuti interessati a un'offerta pay. Un nuovo assetto che consentirà a Premium di partecipare alle aste per i diritti del calcio con un approccio orientato alle reali opportunità di business. Tutte queste attività produrranno una crescita della quota di mercato pubblicitario totale di Mediaset dal 37,4% di oggi a oltre il 39,0% nel 2020. Con un miglioramento, sempre al 2020, dell'Ebit delle attività media italiane atteso per 468 milioni di euro", conclude il comunicato stampa. (E.G. per NL)
23/01/2017 12:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.