Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Mediaset, bilancio ancora in utile, ma in netto calo. Rosso di circa 70 milioni per Premium
Utile superiore ai 200 milioni ma in netto calo rispetto ai 352 del 2010, fatturato di qualcosa sotto i 4.292 milioni del 2010, dividendo presente ma inferiore rispetto ai 0,35 euro dell’esercizio.
Queste le cifre attese per i conti Mediaset 2011, che il gruppo televisivo presenterà domani. Secondo fonti finanziarie, Mediaset indicherà un rosso di circa 70 milioni per Premium, appesantita dai rinnovi dei diritti del calcio, e una raccolta pubblicitaria difficile per i primi mesi 2012. Di fronte a questo quadro Mediaset ha agito sulla leva di cui ha piena disponibilità, ovvero i costi e gli investimenti: nei conti dovrebbe emergere che i primi effetti del piano si avranno in anticipo rispetto a quanto previsto, già nel quarto trimestre 2011, con un leggero calo del debito, a circa 1,8 miliardi. Il gruppo televisivo dovrebbe arrivare alla fine del 2014 con oltre 250 milioni di costi in meno all’anno, misura strutturale che si dovrebbe mantenere su tutti gli esercizi successivi. L’effetto di questo taglio, pari a oltre il 10% del monte complessivo, insieme alla riduzione della politica dei dividendi attesa (tra 0,10 e 0,16 euro per il 2011), dovrebbe portare nei prossimi anni a un sostanziale ‘deleverage’ di circa un quarto dell’attuale livello di indebitamento. Il tutto per controbilanciare il calo dei ricavi atteso anche per il 2012, che Mediaset non smentisce. Anzi nel gruppo televisivo si spiega che l’andamento recessivo dell’economia italiana sta portando a un fenomeno nuovo: la ‘visibilita” sull’andamento futuro degli investimenti pubblicitari è ridotta praticamente a zero e gli acquisti vengono effettuati con preavvisi di poche settimane. (ANSA)
19/03/2012 17:43
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.