Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Mediaset: cinema e fiction, oltre 335 mln di euro nel biennio 2012-2013
Fiction: 235 milioni di euro. Cinema italiano: oltre 100 milioni. Nel biennio 2012-2013 Mediaset investirà soltanto nell'audiovisivo italiano, escluse le produzioni di intrattenimento, oltre 335 milioni di euro.
"Se questo è disinvestire, oltretutto in un momento di crisi...", fa sapere in una nota il Biscione. Non risponderebbero quindi a realtà le valutazioni espresse ol'altro ieri a Cannes dal presidente dell'Anica Riccardo Tozzi, "che si dimostra male informato sugli impegni di Mediaset nei confronti della fiction e del cinema italiani". Nel 2012 saranno 75 le serate di fiction prodotte da Mediaset, serate che cresceranno a 95 nel 2013. Anche gli investimenti aumenteranno: da 110 milioni di euro del 2012 a 125 nel 2013. "E ricordiamo che il polo produttivo della soap Centovetrine ha visto confermata da Mediaset la piena attività", puntualizzano da Cologno. Quanto al cinema di Medusa, sono 23 i titoli italiani già contrattualizzati per un valore di oltre 100 milioni di euro. In totale Mediaset immetterà sul mercato dell'audiovisivo nazionale oltre 335 milioni di euro in due anni. "Una cifra che conferma la fiducia e l'ottimismo che Mediaset, pur in momento difficilissimo, nutre nella ripresa economica del Paese", conclude la nota del gruppo multimediale italiano. (M.L. per NL)
 
24/05/2012 10:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.