Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Mediaset: conferenza stampa unitaria dei sindacati su sciopero e cessione Videotime
Mercoledì 25 luglio 2012 alle ore 11.00 presso la sede Slc Cgil in via Ofanto 18 (via Po) si terrà la conferenza stampa dei sindacati di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil per illustrare le prossime iniziative atte a contrastare la cessione delle sedi regionali di Videotime di proprietà Mediaset.
Mediaset presenta dati economici negativi – annunciano Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil - forte contrazione, nel 2011, dei ricavi (-6% ), del MOL (-12%) e dell’utile che si è attestato intorno ai 170 milioni di euro. Il 2012 ha segnato un ulteriore peggioramento dei conti: alla fine del 1° trimestre 2012 si è riscontrato un azzeramento dell’utile con una ulteriore contrazione dei ricavi sia sul versante della TV generalista che sul fronte della PAY-TV anche grazie ad un costante calo degli introiti pubblicitari. La situazione ha potato Mediaset ad un primo piano di efficientamento con una riduzione della spesa di 250 milioni di euro nell’arco dei tre anni cui si sono aggiunti tagli per ulteriori 150 milioni di euro. La cessione delle 10 sedi regionali di Videotime risente quindi della crisi, anche se dai dati evidenziano problemi di organizzazione del lavoro principalmente imputabili all'azienda stessa, soprattutto per il ricorso agli appalti esterni e a una mancata sinergia con l’attività dei giornalisti "– così una nota congiunta di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil. “Mentre Mediaset non presenta né un piano editoriale né un piano industriale, contestualmente non accetta di affrontare i nodi della crisi, prevedendo il miglior utilizzo delle risorse interne, una maggiore produttività ed un utilizzo più flessibile del lavoro con una attenzione anche al contenimento dei costi, compreso quello del lavoro, mantenendo però intatto il perimetro aziendale e salvaguardandone i livelli occupazionali. A fronte dell’indisponibilità dell’azienda, sono state pertanto proclamate 8 ore di sciopero di cui 4 a livello nazionale da svolgersi nella giornata di Venerdì 20 Luglio alla fine di ogni turno e le altre 4 ore a nei giorni successivi a livello territoriale” annunciano i sindacati. “Contestiamo l’impostazione aziendale anche perchè temiamo che questa operazione sia l’inizio di un processo di rivisitazione e riduzione del perimetro aziendale con il conseguente abbandono del presidio del territorio” conclude la nota.
 
 
23/07/2012 15:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.