Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Musica. Spotify: 50mln di abbonati, presto servizio Hi-Fi

Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
Il gigante dello streaming musicale vuole ampliare il mercato internazionale e punta forte sui nuovi servizi, tra cui la versione Hi-Fi, per ora in fase di test, ma presto disponibile per un gruppo selezionato di clienti. Intanto, sul fronte pubblicitario aumentano le collaborazioni con altre aziende: recentemente sono state lanciate le playlist sponsorizzate da brand terzi grazie ad azioni mirate che hanno portato all’individuazione dei target commerciali. Per l'azienda svedese si parla di una possibile quotazione in borsa in tempi brevi, ma al momento non è stata data nessuna comunicazione ufficiale in merito. (M.R. per NL)
07/03/2017 18:07
 
NOTIZIE CORRELATE
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
Watchup è un’applicazione fondata nel 2012 da Adriano Farano che consente agli utenti di costruire un telegiornale personalizzato, scegliendo i propri video tra quelli delle fonti d’informazioni che aderiscono al progetto.
Group M, la più grande media investment company al mondo che fa capo a WPP e Spotify hanno firmato un accordo su scala globale di collaborazione su dati, ricerca e innovazione.