Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
News online. Wsj, Times e Sun potrebbero sparire da Google News
Intervistato da Sky News Australia, Rupert Murdoch ha annunciato il prossimo passo della sua strategia editoriale anti-Google.
Dopo aver accusato gli aggregatori di notizie online di “cleptomania di contenuti” (vedi il recentissimo caso di NewsNow.co.uk), il fondatore di News Corp. avrebbe rivelato una delle sue idee più pericolose in fatto di diffusione di contenuti giornalistici online. Se rendere a pagamento l’accesso ai siti dei propri quotidiani è un primo indispensabile passo per suggerire al lettore un’alternativa di qualità all’informazione dozzinale reperibile in rete, il secondo potrebbe essere quello di far sparire i propri link da Google News. O meglio, di fare in modo che i link dei quotidiani di News Corp. diventino invisibili ai filtri utilizzati dalla grande G per “copia-incollare” notizie dal web. Il ragionamento ha, naturalmente, una sua logica. Quando il lettore si abbona per accedere a contenuti rilevanti e autorevoli sul web, non avrà più la necessità di consultare gli aggregatori di notizie per reperire i contenuti più interessanti per sé o per la propria attività professionale. Un passo che determinerebbe, senza ripensamenti del caso, un distacco netto dalle logiche di Google News che, nonostante tutto, rimane uno dei trampolini di lancio preferiti da quotidiani e periodici minori. Durante l’intervista a Sky News Australia con David Speers, Murdoch ha inoltre ammesso che la data ultima per la transizione dal paradigma del “tutto gratis” a quello del “pay-per-view” dei propri quotidiani online non sarà più, come previsto, luglio 2010, ma potrebbe slittare verso la fine dell’anno venturo. Come spiega il fondatore di News Corp., di lavoro da fare sembra che ce ne sia molto. O comunque abbastanza da non lasciare spazio ad eventuali re-indirizzamenti su strategie economiche meno aggressive. (Marco Menoncello per NL)
 
09/11/2009 15:19
 
NOTIZIE CORRELATE
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.
Sky Italia ha chiuso il secondo trimestre dell’anno fiscale 2016 (30/06/2016), vedendo crescere gli abbonati (+17mila) e i ricavi (+13%), attestando l'utile operativo a 67mln di euro, in sensibile diminuzione (-11mln) rispetto allo scorso anno fiscale.
Ha il via anche in Italia, dal 24 giugno, il rebranding del servizio SVOD di Sky che diventa Now Tv, come già fatto nel Regno Unito nel 2012. L’obiettivo è offrire un servizio meno caro, aumentare i contenuti e proporli tutti in HD.
Il gruppo di Rupert Murdoch chiude il terzo trimestre con perdite per 131 milioni di euro a causa di un fatturato complessivo che cala del 7%. In positivo solo i servizi web in campo immobiliare.