Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Nuove frontiere dell'editoria cartacea: anche il Corriere della Sera fa il suo ingresso nel settore delle mobile news
Il caro e vecchio giornale cartaceo sembra diventare ogni giorno più estraneo al mondo editoriale moderno.
Complice la crescente diffusione dei cosiddetti smartphone – i cellulari che consentono, tra le altre cose, accesso facile e veloce a internet – le notizie, com’è noto, si possono comodamente consultare dal proprio telefonino. In Italia, secondo i dati forniti da Nielsen-Netratings, circa il 31% della popolazione utilizza dispositivi di nuova generazione e il 36% dei siti internet sui cui naviga si riferisce alle versioni telematiche delle testate giornalistiche. Nato come mezzo di comunicazione per accorciare le distanze tra persone lontane, il cellulare è oggi utilizzato anche come strumento per accedere rapidamente a breaking news da tutto il mondo. Certo, siamo ancora lontani dal momento in cui le notizie online soppianteranno totalmente quelle cartacee, ma la maggiore praticità di uno smartphone è indubbia: infatti, ora basta sfiorare lo schermo del proprio cellulare per essere sempre aggiornati su quanto ci accade intorno. Lo sa anche il Corriere della Sera che, al pari di altri quotidiani nazionali (La Stampa, La Repubblica, Il Sole 24 Ore, ecc.), ha deciso di offrire un servizio di informazione mobile, per tutti gli utenti che consultano le notizie attraverso smartphone e cellulari. Per accedervi, i proprietari di Apple, Blackberry, Vodafone 360 (tra poco anche quelli di Nokia), dovranno scaricare un’apposita applicazione, che rende più agevole la visualizzazione del giornale virtuale, e sottoscrivere un abbonamento da 4,99 euro mensili. Anche senza scaricare l’applicazione sarà possibile collegarsi al sito del quotidiano nazionale e, quindi, al giornale online attraverso un abbonamento settimanale di 2 euro per gli utenti Tim e Vodafone, mentre gli utenti H3G spenderanno 9 centesimi di euro per ogni pagina scaricata. (M.C. per NL)
26/03/2010 16:51
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.