Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Par condicio. Mediaset: non è vero che TG5 non è equilibrato e lo possiamo dimostrare. Ora impugneremo sanzione Agcom al TAR
"Con riferimento alla sanzione irrogata ieri da Agcom al TG5, Mediaset rileva che i dati in suo possesso risultano molto diversi da quelli prodotti da Isimm e utilizzati dall'Authority".
Lo spiega il Biscione in una nota nella quale spiega che ciò sarebbe "evidente sia se si prende in analisi l'ultima settimana sia se si estende l'esame all'ultimo mese. In particolare: il tempo di parola dedicato al Pd è superiore a quello riservato al Pdl: 8,82% al Pd contro il 6,84% al Pdl nell'ultimo mese e il 7,24% contro l'1,80% nell'ultima settimana; il tempo offerto allo schieramento Pd+Idv è di gran lunga superiore a quello dato a Pdl+Lega; il tempo dedicato al complesso delle forze d'opposizione è paritario rispetto a quello composto dalla somma delle forze di maggioranza+governo (e questo risulta anche dai dati Isimm nella settimana 14-20 marzo su cui si basa la sanzione); il tempo dedicato al governo nell'ultimo mese (30%) si è addirittura ridotto nell'ultima settimana (24%)". Ad avviso di Mediaset, quindi, "Non solo quindi la sanzione è stata irrogata prendendo in esame un periodo specifico non aggiornato a questi ultimi giorni chiave, ma in più emergono criteri di conteggio da parte di Agcom che imputano al Pdl tempi da attribuire al governo". da Cologno Monzese segnalano infine "che la sanzione è stata irrogata al TG5 senza che vi fosse alcun precedente ordine di riequilibrio rimasto non eseguito. L'unico richiamo inviato dall'Agcom a tutte le emittenti non forniva alcuna precisazione su quali telegiornali e quali squilibri avrebbero dovuto essere sanati. Non consentiva di fornire controdeduzioni e richieste di chiarimenti. E soprattutto non ordinava alcuno specifico comportamento riferito a specifici soggetti". "Per tutti questi motivi confermiamo l'immediata impugnazione del provvedimento presso il Tar", chiude la nota.
 
26/03/2010 19:18
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.