Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pay tv e sport. Lega vende i diritti di Serie A: dal 2015 partite sul web e pacchetti esclusivi. Dolori per i tifosi
 
L’accordo formalizzato mercoledì 7 maggio da Lega e Infront prevede che quest’ultima continuerà a ricoprire il ruolo di advisor strategico per le stagioni 2015-2018, con rinnovo automatico per il triennio successivo, qualora venissero raggiunti i target concordati (ricavi pari a 6 mld di euro totali per le prossime 6 stagioni).
Il patto tra le due società punta a ottenere in breve tempo buoni ricavi dalla vendita dei diritti delle esclusive delle partite del campionato della serie A. Gli operatori tv avranno a disposizione una decina di giorni per avanzare le loro offerte: tra la fine di maggio e l’inizio di giugno si dovrebbe conoscere chi e come trasmetterà i match del massimo campionato tricolore. Sky e Mediaset Premium saranno sempre schierati in prima fila con i loro pacchetti, anche se potrebbe entrare in gioco anche Fox Sports. Le esclusive, più consistenti rispetto al passato (con pacchetti dedicati ai singoli club e altri che prevedono un mix delle principali squadre del panorama italiano tra cui Juventus, Milan e Inter), stimoleranno dunque un’inevitabile concorrenza tra le piattaforme pay. E qui iniziano i dolori. Già perché gli appassionati che vorranno vedere tutta l’offerta calcistica dovranno dotarsi, nel prossimo triennio, di due o più abbonamenti, dato che ogni piattaforma si accaparrerà soltanto una fetta delle partite dello sport più amato dagli italiani. Con la lotta per ottenere più ricavi dai diritti tv, si potrebbe – ahi noi - scatenare un malcontento del pubblico, soprattutto di quella parte che non può permettersi di sottoscrivere più contratti annuali. Intanto la Lega Calcio ha reso noto che sono in crescita anche le richieste delle aziende telefoniche (Vodafone e Fastweb in primis), che vogliono allargare i propri confini, lanciandosi nel campo dei contenuti sportivi – e non restare dei colossi impegnati unicamente nella concorrenza sui piani tariffari - puntando su nuovi contenuti per fidelizzare e attrarre un maggior numero di abbonati. Le novità in arrivo potrebbero passare proprio dal web e dall’offerta delle dirette in streaming, che fino ad oggi erano possibili solo attraverso SkyGo e Premium Play (mentre Tim e Vodafone potevano mostrare i match soltanto in mobilità e non in wi-fi, pagando alla Lega 4 mln di euro all’anno). (V.R. per NL)
 
09/05/2014 13:29
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).