Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pay tv illegale. GdF: operazione “Card Sharing”, accesso abusivo a bouquet. Perquisizioni e sequestri, 9 denunce

Il termine “consumo collaborativo” descrive quel modello economico sotteso alla base di tradizionali concetti come il baratto (bartering), il commercio (trading), la condivisione (sharing), il prestito (lending), il noleggio (renting), la donazione (gifting), lo scambio (swapping) e la condivisione (sharing), reinventati e adattati ai tempi odierni attraverso le avanzate tecnologie di rete.
Lato sensu, anche l’organizzazione a delinquere orchestrata da un gruppo esteso a livello nazionale ben potrebbe rientrare in questa categoria, anche se il fine è tutt’altro che socialmente utile: la Guardia di Finanza di Trento ha smantellato un’altra associazione proficuamente dedita al cosiddetto sistema di “card sharing”, ossia la condivisione illecita, attraverso la rete, di servizi e contenuti televisivi di alcune tra le maggiori piattaforme televisive a pagamento. La maxi operazione ha consentito l’emissione di ben 92 provvedimenti di sequestro e perquisizione in Trentino Alto Adige, Veneto, Lazio, Abruzzo e Calabria. Le indagini che hanno permesso di individuare e smantellare l’associazione per delinquere, incessantemente dedita all’illecita vendita, installazione e modifica di apparati tesi alla funzione di decodifica di trasmissioni ad accesso condizionato ed alla frode informatica a livello nazionale (art. 171-octies della legge n. 633/1941 e art. 640-ter del codice penale), sono state condotte per quasi un anno dall'unità di ricerca informativa del Comando Provinciale di Trento, in sinergia con la Procura distrettuale della Repubblica di Trento. I nove componenti dell’associazione a delinquere (2 residenti in provincia di Trento, 5 a Roma, 1 a Viterbo ed 1 a L'Aquila), tutti rintracciati e puntualmente denunciati, offrivano l’accesso abusivo alla totalità dei pacchetti e programmi televisivi forniti a pagamento, in particolare Sky e Mediaset Premium, con un risparmio fino all’80% del listino ufficiale, e assistenza 24 non stop sia on-line sia a domicilio, nei casi in cui si rendeva necessario l’intervento diretto sull'apparecchio di ricezione abilmente modificato. Identificati e segnalati anche 83 clienti, anch’essi destinatari delle perquisizioni e, in quanto coinvolti (seppur passivamente) nei servizi illeciti, tutti penalmente perseguibili. Le indagini hanno consentito il sequestro di svariati decoder, apparati informatici e hard disk, utilizzati sia dagli associati sia dai clienti: ad Avezzano, la Guardia di Finanza ha provveduto al sequestro di una postazione informatica connessa alla rete che faceva da base operativa da cui venivano decodificati i segnali audiovisivi protetti e trasmessi in tempo reale via web alla vasta clientela, grazie ad apparecchi tecnologici di ultima generazione. Il servizio offerto dall’organizzazione, in piena distorsione del mercato del settore, procedeva, a seguito dell’erogazione di un canone mensile, a fornire alla propria clientela le keys digitali di accesso ai server (posizionati all’estero), necessarie per leggere in chiaro tutti i programmi televisivi a pacchetto e pay per view di alcune tra le maggiori società di settore, in particolare Mediaset Premium e Sky, attraverso apparati in gran parte forniti dalla stessa organizzazione (decoder client) già precedentemente modificati per consentire la ricezione delle trasmissioni Oip (Over internet protocolli). L’inevitabile danno al mercato di settore può essere stimato in circa 1 mln di euro, con conseguente danno per l'Erario derivante dal mancato introito della relativa tassazione fiscale. Il danno al mercato di settore può essere stimato in circa un milione di euro, con un conseguente pregiudizio per l'Erario derivante dal mancato introito della relativa tassazione fiscale. (S.F. per NL)
24/11/2015 13:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
A volte ritornano. Sky punta ancora alla pay-tv di Mediaset: la relazione burrascosa tra il Biscione e Vivendi diventa terreno di conquista per il vecchio pretendente.