Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pay tv. Murdoch studia la tv a pagamento europea Italia-Germania-Gb. Ft: 10 mld di euro per unire BSkyB, Sky Italia e Sky Deutschland
 
Rubert Murdoch, il magnate dei media passato attraverso lo scandalo delle intercettazioni comprate dai giornalisti di alcune sue testate e che ha da poco divorziato da Wendi Deng, studia un riassetto della sua News Corp che potrebbe toccare gli equilibri di Sky.
Una pay tv europeo che ruoterebbe attorno alla BSkyB, di cui Murdoch ha il 39%, cui conferire per 10 miliardi di euro, inclusivi di un premio, il 100% di Sky Italia e il 50% di Sky Deutschland in mano alla sua Fox. Ai 15 milioni di abbonati di BSkyB si unirebbero gli 8,5 milioni tedeschi e italiani per creare un colosso paneuropeo. Il progetto consentirebbe anche di fare ordine nel gruppo. Da una parte un gigante europeo delle reti satellitari, dall'altra l'entertainment, il cavo, le produzioni e gli studi cinematografici, una mossa che piace agli investitori e che è stata anticipata dal Financial Times. Fonti a conoscenza del progetto rivelano al quotidiano della CIty che Murdoch starebbe "esplorando" il progetto, ancora in "nelle fasi iniziali di "valutazione", della piattaforma unica che potrebbe rivoluzionare gli equilibri dei diritti tv. L'operazione non sarebbe imminente. Altre fonti, sentite dall'agenzia Bloomberg, riferiscono invece che le società sono in contatto da mesi e che l'operazione potrebbe essere annunciata in estate, anche se le parti potrebbero anche non raggiungere un accordo. L'operazione valuterebbe il 50% di Sky Deutschalnd in tre miliardi di euro, mentre il valore del 100% di Sky Italia sarebbe stimato in cinque miliardi. No comment da Fox, BSKyB e Sky Deutschland. Il riordino del gruppo fa seguito ai tentativi, fra il 2010 e il 2011, della Fox di Murdoch di prendere il pieno controllo di BSkyB, fallito per l'opposizione politica suscitata dalle accuse secondo cui i giornalisti di alcuni giornali popolari britannici del gruppo avevano ottenuto dalla polizia accesso alle telefonate dei vip. La stessa Fox, del resto, è il risultato della decisione, lo scorso anno, di separare le attività nell'entertainment dai giornali e dalle altre attività editoriali. Ed è da anni che il management studia l'ipotesi di combinare le attività sul satellie. "Non è un segreto che pensiamo che le emittenti Sky siano forti insieme", ha detto James Murdoch, il più giovane dei figli dell'83enne magnate. (ANSA).
 
10/05/2014 17:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.