Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pay Tv, Premium. Ei Towers (Mediaset): irrilevante per noi chi sia nuovo proprietario. Tanto sempre da DTT occorre passare

Si torna a parlare, seppure indirettamente, degli scenari post Mediaset relativamente alla sfortuna pay tv Premium. In cima alla lista delle ipotesi, ovviamente, l'opzione Sky, ovvero quella (forzata magari dagli sviluppi giudiziari) con Vivendi.
Motivo dell'attualità è questa volta il tower player Ei Towers (gruppo Mediaset)  il cui a.d., Guido Barbieri, interpellato dagli analisti in merito alle ipotesi di riassetto della pay-tv Premium (di cui EIT è vettore DTT), ha sottolineato che "andra' bene per Ei Towers sia un riassetto in cui Vivendi diventi l'azionista di controllo di Premium, sia altri tipi di accordo sia il mantenimento dello status quo con Mediaset che resta socio di riferimento". Il manager si e' invece soffermato sull'ipotesi che si crei un consolidamento tra gli operatori della pay-tv italiana unendo Sky, operatore pay sul satellite, a Premium, pay-tv sul digitale terrestre: per Barbieri la creazione di un tale asse andra' sottoposto al giudizio dell'Antitrus ma l'attuale penetrazione in termini di popolazione delle due tecnologie indica che "il digitale terrestre e' la migliore soluzione": "il satellite compre l'intero territorio nazionale" ma con una penetrazione piu' bassa per cui "non sara' mai alternativo" al digitale terrestre In merito ai contratti in essere con Mediaset, Barbieri - rispondendo alla domanda di un analista - ha precisato che e' previsto che le trattative per il rinnovo della partnership partano "a luglio 2017". (E.G. per NL)
04/11/2016 10:47
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
I diritti di trasmissione dei programmi sportivi, in Italia, sono quasi del tutto una cosa da pay tv, tanto che nel fondare la sua, Mediaset ci basò praticamente la quasi totalità della sua offerta; salvo poi pentirsene amaramente. Uno dei motivi è che, grazie all’onnipresente internet, lo sport sta piano piano entrando nell’ordine del free to air.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.