Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Perizia, elettrosmog Radio Vaticana causò tumori. Studio su morti tra anni '80 e 2003. Padre Lombardi: stupore, non è provato
"Lo studio suggerisce che vi sia stata una associazione importante, coerente e significativa tra esposizione residenziale alle strutture di Radio Vaticana ed eccesso di rischio di malattia per leucemia e linfomi nei bambini, e che le strutture di MariTele, in modo limitato e additivo, abbiano plausibilmente contribuito all'incremento di quel rischio".
E' quanto si legge nelle conclusioni della superperizia, circa 300 pagine, disposta dal gip del tribunale di Roma rispetto alle morti da elettrosmog avvenute tra la fine degli anni '80 e il 2003, nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo, nella quale erano indagate 6 persone. Lo studio, firmato dal professor Andrea Micheli, e disposto dal gip Zaira Secchi nel maggio 2005, è stato svolto in sede di incidente probatorio e riguardava l'incidenza della mortalità da leucemia nelle zone di Cesano e La Storta. "Per quanto concerne lo studio di mortalità relativo" alle emissione di elettrosmog "dalle strutture di Radio Vaticana, le condizioni di prova richiesta si sono verificate", si spiega. E poi si aggiunge che "rischi importanti" per la "fascia di esposti tra i 5 e i 9 chilometri dall'emittente, per almeno 10 anni, di donne e uomini di tutte le età, dove il rischio di morte per tumori emolinfopoietici". Secondo quanto si legge nelle conclusioni della perizia "tutte le analisi condotte hanno indicato condizioni di eccesso di rischio di morte su valori oscillanti su tutta l'area di studio, fino a 12 chilometri dall'emittente, con eccessi importanti e significativi, con però mancata evidenza di rischio per gli esposti adulti sino a 5 chilometri dall'emittente". In sintesi "lo studio suggerisce che via stata una associazione importante, coerente e significati tra esposizione residenziale all'emittente ed eccesso di rischio di morte per leucemia". E se per MariTele, rispetto alla popolazione adulta, le condizioni poste per la verifica della pericolosità non si sono verificate, rispetto ai bambini lo studio, per Radio Vaticana e per la stessa installazione della Marina, ha "evidenziato rischi importanti" per i piccoli che hanno abitato "per più tempo della loro vita nella fascia tra 6 e 12 km dalla stazione della radio pontificia". "La Radio Vaticana apprende con stupore" i risultati della perizia disposta dal Gip del Tribunale di Roma, sulle emissioni del centro di Santa Maria Galeria, visto che "la perizia non è stata ancora resa pubblica dal Tribunale". E' il commento di Padre Federico Lombardi, direttore di Radio Vaticana, sulle conclusioni della perizia, in base alla quale ci sarebbe "un'associazione importante, coerente e significativa tra esposizione residenziale alle strutture di Radio Vaticana ed eccesso di rischio di malattia per leucemia e linfomi nei bambini". "La Radio Vaticana - assicura padre Lombardi - presenterà al più presto le proprie considerazioni e le controdeduzioni dei propri consulenti tecnici, il prof. Umberto Veronesi e la dott.ssa Susanna Lagorio". "E' bene ricordare - prosegue in una nota padre Lombardi - che secondo la letteratura scientifica internazionale in materia, non è stata mai dimostrata l'esistenza di un nesso di causalità come quello ipotizzato - a quanto sembra - dalle conclusioni della perizia, che non vanno quindi ritenute assodate". Occorre tuttavia ribadire, conclude, "ancora una volta che la Radio Vaticana ha sempre osservato le indicazioni internazionali sulle emissioni elettromagnetiche e, dal 2001, in seguito ad accordo con le competenti autorità italiane, ha osservato i più restrittivi limiti stabiliti dalla sopravvenuta normativa italiana in materia, in modo tale da rispondere attentamente, come dovuto, ad ogni eventuale preoccupazione della popolazione circostante". (ANSA)
13/07/2010 19:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Dal 31/12 Radio Vaticana abbandonerà la storica (85 anni) denominazione per assumere il nuovo logo "Radio Televisione Vaticana", operazione che comporterà l'incorporazione del Centro Televisivo Vaticano (CTV), che continuerà a produrre servizi per il mercato internazionale.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Il direttore generale di Radio Vaticana Padre Federico Lombardi ed il direttore amministrativo Alberto Garbarri per ragioni di scadenza dei rispettivi mandati alla fine di febbraio lasceranno l'incarico.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.