Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Più utenti, più pubblicità: ad ottobre sono stati 24.7 milioni gli italiani che hanno navigato in rete
L’aumento degli utenti on line è ormai un dato di fato nel Bel Paese: in occasione dell’Audiweb In Action tenutosi ieri a Milano nella sua seconda edizione sono stati evidenziati dati che mostrano come internet stia diventando sempre più parte della vita quotidiana degli italiani.
La società che si occupa del monitoraggio dei livelli di audience on line ha disegnato un quadro nettamente positivo rispetto al precedente anno: un incremento dell’11% con un ampliamento delle fasce di età che accedono e navigano su internet. È stato rilevato, infatti, che, rispetto al precedente anno, la percentuale di kids (ossia utenti tra i 2 e gli 11 anni) che ha navigato in rete è cresciuta di 18.4 punti percentuali, con un milione e mezzo di accessi al mese. Anche la fascia di consumatori over 55 registra incrementi attestandosi ad un +15.1%. I più assidui frequentatori del web risultano essere i giovani tra i 18 e i 24 anni con un'ora e 43 minuti in media al giorno, mentre gli utenti appartenenti alla fascia di età centrale (34 – 54) che accedono al web rappresentano "solo" il 47%. Inoltre, nel giorno medio, si assiste ad una maggiore frequentazione della rete da parte degli uomini (6.8 milioni) rispetto alle donne (5.3 milioni), con una concentrazione più alta nell’area geografica del Nord-Ovest la quale raggruppa – da sola – il 30.7% della popolazione on line. Infine, la fascia oraria maggiormente trafficata nel giorno medio del mese di ottobre è quella mattiniera: dalle 9.00 alle 12.00 infatti gli utenti attivi sono 5.2 milioni che salgono a 6.2 milioni nelle ore immediatamente successive a mezzogiorno. Nelle ore serali si contano 4.9 milioni di consumatori on line che dedicano mediamente 36 minuti alla navigazione. (M.C. per NL)
02/12/2010 04:18
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.