Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Potere politico. Lega forte anche grazie a strategie radiotelevisive vincenti
Un articolo apparso sul sito de L'Unità (www.unita.it) di ieri, a firma di Toni Jop, ha aperto un dibattito su un tema decisamente interessante e poco  trattato, da molti (i più) dato per scontato, anche se, forse, non lo è poi così tanto.
Il tema del radicamento sul territorio della Lega Nord e del suo rapporto con l'emittenza locale del settentrione. La leggenda vuole, così come anche i bambini sanno, che la ricetta che ha portato la Lega, in vent'anni, da piccola unione di partitini di provincia a membro imprescindibile (i numeri parlano da soli) della coalizione di governo, sia fatta di tanta presenza per le strade, nelle piazze, di un contatto diretto con la popolazione, grazie al quale il partito è riuscito a captare, catalizzare e cercare soluzioni “leghiste” ai problemi che maggiormente affliggono le popolazioni di quella importante (per dimensioni, pil e cultura) fetta d'Italia. In un Paese tramutatosi negli ultimi due decenni, in gran parte per via del potere mediatico del suo premier, da democrazia a “videocrazia” (come in molti la definiscono, richiamandosi al titolo di un celebre documentario, nei cinema lo scorso anno), la Lega, pur facendo parte della maggioranza guidata dal partito di Berlusconi, ha sempre dato l'impressione di rappresentare una mosca bianca in questo mosaico, in cui anche i partiti d'opposizione hanno dovuto inventarsi un modo “mediatico”, a volte alternativo (vedi le web tv YouDem), di stare al mondo, e nell'arena politica. In realtà, seguendo l'analisi operata da L'Unità, ci si accorge che anche nel caso del partito di Bossi la presenza in video ha rappresentato uno strumento importante, fondamentale, per la sua ascesa. L'utilizzo della miriade di emittenti locali (su 650 tv locali in Italia, 300 trasmettono soltanto in Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia e Veneto) per comunicarsi, tramite news, dibattiti e talk show, nel giro di pochi lustri, ha portato la Lega, più che ad ascoltare il “territorio”, a crearlo, a forgiarlo, a renderlo malleabile agli impulsi e ricettivo ai segnali d'allarme che questa gli invia. In questo modo, dalle aperture dei tg locali ai discorsi nei bar e nelle piazze (passando per una “cortina” di assessori, sindaci e amministrazioni leghiste nei piccoli centri), il passo è stato breve, ma più che mai fondamentale, per far della Lega un partito così radicato. “Il raggio corto di queste esperienze di comunicazione – ha detto Vincenzo Vita, Pd, esperto di emittenza tv - si è incrociato perfettamente con l'ottica della Lega, c'è stato quasi un riconoscimento reciproco, molto felice sul piano della visibilità e della riconoscibilità di un messaggio politico”. Il tutto senza mai passare per un partito invasivo sul piano mediatico e, soprattutto, senza mai sporcarsi le mani con il controllo delle tv, che si concedevano in maniera naturale, in virtù di una naturale fluidità di relazioni. (L.B. per NL)
16/08/2010 15:51
 

E perché non parlare di Radio Padania

Non si saranno sporcati le mani con la proprietà delle tv, come dite voi, ma solo perché costava troppo acquistarsele e sarebbe poi risultato difficile potenziarle gratis come hanno fatto con la radio. Roma è infatti "ladrona" solo per gli altri: per loro che si portano a casa come Radio Padania 1 milione di euro all'anno di contributi come radio comunitaria nazionale grazie alla alla solita leggina ad hoc, Roma è invece molto generosa. Del resto lo Stato coi padani non si è mai risparmiato: con un'altra norma cucita addosso, gli integerrimi bossiani possono attivare impianti ex novo in tutta Italia, che poi vengono strategicamente permutati con altre reti che non possono fare altrettanto. Così quelli della Lega portano a casa frequenze in città importanti a costo zero. Costo zero per loro naturalmente, perché tanto paghiamo noi. Altro che far la morale agli altri...
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.