Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Presentato rapporto editori 'La stampa in Italia 2009-2011'. Fieg: vendite quotidiani in calo, ma non lettori: Fnsi: riforme di sistema, no tagli a informazione politica
Accanto a molte analisi condivisibili, e a alcune proposte per orientare l’uscita dalla crisi dell’editoria verso una fase innovativa di sviluppo, ci sono nelle posizioni Fieg situazioni da chiarire e approcci e soluzioni differenti per alcune questioni relative all’intervento pubblico nel settore".
Lo rende noto la Giunta Esecutiva della Fnsi, riunita il 18/04 a Roma, che ha ritenuto che non si possa liquidare il sistema dei contributi in essere, soprattutto con riferimento ai giornali politici, senza avere chiaro il quadro del sistema, la funzione e il lavoro dei giornalisti di questo genere di testate. "Tagliare i fondi ai giornali di partito, mentre ancora si deve discutere su come riqualificare e rendere più trasparente il finanziamento della politica, farebbe morire senza ragione testate significative del dibattito pubblico e perdere alcune centinaia di posti di lavoro", spiega la federazione, per la quale "Il riordino deve essere di sistema" e "non si deve precipitare nel calderone dell’indistinta antipolitica e l’informazione non può essere comunque l’agnello sacrificale. Ciascun editore, compresi i partiti, dovrà essere chiamato a fare la sua parte con chiarezza e responsabilità. I giornali di idee e cultura politica non sono espressioni meramente commerciali". La Giunta della Fnsi ha ribadito la sua linea per la trasparenza dell’intervento pubblico, per il rigore e la lotta all’elusione delle regole e agli abusi, che anche grazie al suo impegno sta producendo correzioni e pulizia. Il nodo da sciogliere è quello di una vera riforma di sistema. La Fnsi "accetta la sfida per lo sviluppo, l’innovazione e una politica industriale che assecondi le trasformazioni nel tempo dell’informazione digitale, evitando che testate significative siano costrette a chiudere per mancanza di ossigeno e di garanzie per il pluralismo. Da questo versante la Giunta della Fnsi rilancia alla Fieg un impegno di corresponsabilità per una innovazione che accetti con coraggio la sfida del cambiamento che non può produrre profitti dopo tre mesi, che non può essere governato solo guardando gli indici quotidiani di borsa ma dovrà essere frutto di un progetto di prospettiva misurabile in un arco di tempo ragionevole, non brevissimo. Agli editori la Fnsi chiede coraggio e fiducia nell’investimento sul patrimonio principale delle imprese di settore, che è costituito dai giornalisti. Dai colleghi titolari dei contenuti e dalle loro possibilità di lavoro corretto e qualificato (anche attraverso un’ azione comune per la formazione professionale) dipende la credibilità e il valore materiale delle testate, dei ‘marchi’ che propongono l’informazione su più piattaforme. In questo senso la ‘rivoluzione industriale’ che favorisca il pluralismo, con informazione di qualità – lanciata dal Presidente della Fieg Anselmi – deve diventare terreno di iniziativa degli editori e di lavoro comune per salvare e mettere in moto il sistema”.
20/04/2012 13:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
La discesa negli inferi dello carta stampata non si ferma, segno che il settore è ormai irrecuperabile. Infatti, secondo i dati dell’Osservatorio Stampa FCP relativi al periodo gennaio-agosto 2016, raffrontati con i corrispettivi 2015, il fatturato pubblicitario del mezzo stampa registra un calo del 4,7%.