Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Professioni intellettuali, FNSI: “Negli uffici stampa debbono esserci i giornalisti, troppi corsi ignorano questa norma creando false aspettative”
Giungono alla Fnsi continue segnalazioni di corsi di preparazione per addetti stampa, che offrono anche tirocini post-corso, nei cui bandi non viene chiarito un aspetto fondamentale dal punto di vista professionale e cioè che per svolgere l’attività di addetto stampa occorre appartenere alla categoria dei giornalisti".
Inizia così una nota odierna della Federazione Nazionale della Stampa Italiana che ricorda come il predetto principio generale "è addirittura affermato, per la pubblica amministrazione, da una legge dello Stato: la legge 150 del 2000""Al di là di roboanti annunci, false prospettive e costi spesso esagerati, dietro questi corsi si cela, il più delle volte, una sostanziale ignoranza delle vere problematiche degli uffici stampa e delle loro implicazioni professionali e deontologiche", spiega l'ente esponenziale. "Infatti - continua la FNSI - in troppi casi nei programmi di questi corsi sono ricomprese materie che poco hanno a che fare con la professione giornalistica, come il marketing, la promozione e la pubblicità, lasciando intendere che anche queste attività possano essere ricomprese nella responsabilità dell’Ufficio stampa. Pur trattandosi di ambiti professionali assolutamente rispettabili esse, però, contrastano nettamente con l’etica giornalistica, codificata da norme di legge e da carte deontologiche". La Federazione nazionale della stampa italiana invita pertanto "le Associazioni regionali, d’intesa con gli Ordini locali, a vigilare ed intervenire di fronte al proliferare di iniziative il cui risultato, spesso, è solo quello di creare confusione, improbabili aspettative di lavoro e incerte qualifiche professionali”. (M.L. per NL)
28/09/2010 15:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.