Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Protesta contro cancellazione provvidenze editoria: un DL (in sede di conversione) ha tolto, un DL ripristina. Forse...
La protesta delle emittenti locali contro la cancellazione delle provvidenze per l'editoria, inopinatamente proposta dal governo in sede di conversione in legge (n. 25/2010) del DL "Milleproroghe", sta, forse, sortendo il suo effetto.
Se è vero che non in tutte le regioni le emittenti locali stanno portando avanti con la medesima intensità la trasmissione degli spot di protesta (in Sicilia la maggior parte delle stazioni li mette in onda; nel Lazio, nelle Marche, in Piemonte, in Puglia e Basilicata  la programmazione è intensa, ma altrettanto non è, per esempio, in Lombardia e nel Veneto), il Governo Berlusconi, spaventato dall'evidente calo di popolarità a causa delle infelici azioni adottate per fronteggiare i pasticci elettorali, starebbe seriamente pensando ad una opportuna retromarcia. "Non escludiamo che il DL incentivi contenga i fondi per l'emittenza radio e tv tagliati dal decreto milleproroghe", ha infatti annunciato ai microfoni di CNRmedia il sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, confermando le voci che già circolavano da qualche giorno. "Il governo, in particolare il dipartimento er l'editoria, è intenzionato a ripristinare i fondi", ha sottolineato il sottosegretario, spiegando che "Nel DL incentivi c'è una norma che viene incontro a queste realtà soprattutto per quanto riguarda gli investimenti pubblicitari. Penso che un intervento in questa direzione sarà condiviso dal consiglio dei ministri. Nella bozza del DL incentivi non c'è ancora il ripristino perché ci stiamo ancora ragionando". Un messaggio accolto però tiepidamente dalle emittenti locali, che non paiono interessate a dare ad esso particolare credito, almeno finché dagli annunciati propositi l'esecutivo non mostrerà di essere sceso ai fatti. E ciò anche in considerazione del comportamento imperdonabile dimostrato dal Governo in occasione della conversione in legge del Milleproroghe, allorquando, senza alcun confronto con le rappresentanze delle emittenti, fu deciso, con un vero e proprio blitz, di cancellare le contribuzioni che da oltre venti anni accompagnavano le emittenti impegnate nell'informazione. Le radio e tv locali  hanno quindi fatto sapere a Saglia che la loro protesta continuerà, immutata per intensità, finché non ci sarà l'assoluta certezza di un ripristino dei fondi totale e non parziale, come invece parrebbe si voglia fare con erogazioni contributive sotto altra forma. (A.M. per NL)
 
 
11/03/2010 20:56
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.
La situazione di crisi dell’emittenza televisiva locale, già grave per l’aumento dei costi di gestione conseguenti alla “ingiusta e discutibile” revoca dei diritti d’uso delle frequenze che il MISE ha operato in tutta Italia e che ha raggiunto il suo apice sulle regioni della fascia adriatica, con in testa la Puglia (in cui ha revocato 12 frequenze su 18), ora è ulteriormente aggravata per il ritardo dei pagamenti dei contributi relativi al bando 2015 (e siamo già a marzo 2017) e per la mancata emanazione dei bandi relativi agli anni 2016 e 2017.