Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità: a maggio -5,5%. Colpa delle elezioni, dei ponti e della paura dei consumatori
 
Complici una serie di congiunture negative per il mercato (quali le elezioni, l'elevato numero di festività e ponti e gli effetti della riduzione dei consumi ingenerata soprattutto da fenomeni di paura non sempre fondati), gli investimenti pubblicitari a maggio si sono chiusi a -5,5% rispetto allo stesso mese del 2013.
Il dato mensile riscrive in aumento la riduzione tendenziale (che arriva a -3,9%) per i primi cinque mesi del 2014, traducendosi in circa 110,5 milioni di euro in meno sul periodo gennaio-maggio dello scorso anno (il mese di aprile si era chiuso a -4,4%). Lo certificano i dati Nielsen, secondo i quali la stampa registra un leggero peggioramento di trend, rispetto ai cali a una cifra di aprile: i quotidiani chiudono i primi cinque mesi a -12,8% e il singolo mese a -11,1%, mentre i periodici si fermano rispettivamente a -11,6% e -11,9%. La Tv torna momentaneamente in terreno negativo a -0,7% per il periodo cumulato, dopo quattro mesi in attivo. Maggio si chiude a -4,6%. La Radio conferma il segno meno: per il periodo cumulato si registra un calo del -0,3%, a fronte di un decremento del -5,7% per il solo maggio. Internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato, si ferma a -2,1% per gennaio-maggio e a -0,1% a maggio. Gran parte della colpa dell'inversione di tendenza di un 2014 partito con i migliori auspici è da ricondurre, al solito, alla politica, incapace di darsi stabilità e soprattutto di fornire garanzie al mercato attraverso iniziative chiare e determinate. La seconda motivazione, in ordine di importanza, è determinata dalla contingenza infausta per industria e commercio in generale, di una serie di festività e ponti che nel mese di maggio hanno eccessivamente ridotto le attività lavorative. Terza causa, l'angoscia prodotta (non sempre motivatamente) nei consumatori proprio da quei mezzi di comunicazione di massa che ora ne pagano le conseguenze economiche. (M.L. per NL)
11/07/2014 10:17
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.