Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità: ad aprile rallentano gli investimenti. Tranne quelli sulla radio, che crescono ancora di oltre il 10%

Se un investitore dovesse decidere dove mettere i propri soldi in ambiente mediatico italiano, in questo momento non avrebbe alcun dubbio: la radio.
La radio è infatti l’unico mezzo che continua a crescere nella raccolta anche quando gli altri media segnano il passo. Nel merito, nonostante il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia si sia contratto ad aprile del 3,3% portando il quadrimestre a -2,3% dal -2,1% registrato nei primi tre mesi dell'anno, il più antico medium elettronico ha continuato a crescere, aumentando anzi la corsa (+10,2% ad aprile, +8,6% sul quadrimestre). Lo ha reso noto Nielsen, secondo cui, aggiungendo la stima della raccolta sulla porzione di web attualmente non monitorata (principalmente search e social), il mercato chiuderebbe i quattro mesi a +0,3% da +0,5% nel primo trimestre. La frenata di aprile, causata anche da fattori di calendario (feste pasquali) e definita da Nielsen un "rimbalzo negativo" dopo la crescita di marzo, si sente su tutti i mezzi a partire dalla Tv, che arretra del 2,8% dal +0,5% di marzo (-2,2% nel quadrimestre). Rallenta anche la stampa a -8% per i quotidiani e -8,3% per i periodici, con un dato cumulato gennaio-aprile rispettivamente a -7% e -5,3%. Si rafforza per contro, come detto, la radio, che si colloca +10,2% su un quadrimestre a +8,6%. Torna negativo Internet (-3,3% ad aprile, -2,6% nei quattro mesi) relativamente al perimetro monitorato in dettaglio da Nielsen, ma aggiungendo social e search (Facebook e Google) il digitale è stimato in crescita dell'8,8% per il periodo da gennaio ad aprile. (E.G. per NL)

11/06/2015 12:14
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Si è spento oggi, all’età di 78 anni, Leone Di Lernia, cantante e conduttore radiofonico, pugliese verace (originario di Trani) e di adozione milanese.