Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Da gennaio a maggio la pubblicità in tv continua a crescere

Secondo le stime sui primi cinque mesi del 2016 parlano di una crescita per la pubblicità in tv. Bene Mediaset che cresce poco ma controlla la fetta più grande del mercato; veloce crescita per Discovery e Sky, che ora arriva ad una quota importante. Stabile La7.
Si conferma un periodo di ripresa per la raccolta pubblicitaria in televisione; i primi cinque mesi dell’anno, registrano una crescita complessiva del segmento pari al 6,1% con un totale complessivo di 1,73 mld di euro. Il segmento televisivo sta dunque godendo della ripresa del settore, in particolar modo la Rai che è cresciuta quasi del 6% (5,8) perfettamente in linea con il mercato e il tutto senza contare il periodo degli europei; bene anche Mediaset, che cresce del 4,5% e detiene la maggioranza del mercato pubblicitario televisivo, il 56,2%, contro il 22,1 dell’emittente pubblica. La crescita dei ricavi pubblicitari più rapida è quella di Discovery, che quasi tocca il 20% in più rispetto al 2015 e si accaparra il 5,6% del mercato. Bene anche Sky, che accresce i suoi guadagni del 10,3% tallonando la Rai in termini di peso sul mercato, dato che ormai detiene il 12% della pubblicità televisiva e inizia a porsi come una seria minaccia. Infine, La7 si mantiene stabile con il 4,1% del mercato e una crescita dei ricavi nei primi cinque mesi pari ad un +2,4%. (E.V. per NL)
13/07/2016 14:27
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.