Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Internet: a grandi passi per scalzare il piccolo schermo
Anche nella pubblicità, come in tutti gli altri comparti, internet è l’unico medium che cresce. Cresce a ritmi molto elevati, mentre gli altri, con velocità altrettanto sostenuta cadono giù in picchiata.
Questo, nonostante l’Italia resti, come da tradizione, indietro di una generazione rispetto ai maggiori concorrenti europei. Nel nostro paese, di fatti, la somma degli investimenti pubblicitari sul web nel 2012 è stata pari a 1,250 miliardi di euro, solo 50 milioni in più che nei Paesi Bassi, dove la penetrazione generale di internet tra la popolazione è dell’88%, a fronte del 52% in Italia (dati 2011 di Internet World Stats). Restiamo, quindi, ancora molto in ritardo rispetto ai nostri rivali continentali Germania (3,950 miliardi) e Francia (2,2 miliardi). Per non parlare dell’Inghilterra (5,5 miliardi). Nonostante questo, però, anche se a rilento, la rivoluzione copernicana dei mezzi di comunicazione sta prendendo piede anche in Italia, specie dopo che gli smart phone hanno portato internet nei taschini delle popolazione europea con più alta incidenza di telefoni cellulari per abitante. E gli altri media? Arrancano, tremendamente indietro, in una corsa che vede loro la terra disfarsi sotto i piedi. La tv, con il 53,6% della torta pubblicitaria sui media è ancora leader indiscusso ma, nel terzo trimestre del 2012, ha perso il 10% secco rispetto all’anno prima. Dato che dovrebbe ridimensionarsi, dicono gli esperti, nell’ultimo trimestre, con il periodo di Natale, fino a toccare quota 7,5%. Ma non è questo il punto. Il punto è che, se la pubblicità sui giornali affronta una crisi consolidata e prevista, quella in tv, al di là della congiuntura economica negativa e del periodo recessivo, è in forte crisi identitaria. Lo spezzettamento degli audience, esigenti e allenati a trovare ciò che cercano, senza compromessi, in rete, fa sì che gli investitori pubblicitari si trovino a dover ridisegnare completamente le proprie strategie, trovando forti difficoltà. Ciò, chiaramente, lascia il settore in uno stato di incertezza che potrebbe ampliare i margini di squilibrio rispetto alla corsa matta della pubblicità in rete. (G.M. per NL)
23/10/2012 10:25
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.