Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità: investimenti al palo. Internet supera la radio
Calma piatta per il mercato pubblicitario italiano. Gli investimenti sono al palo: il mese di aprile si e' chiuso ancora una volta con il segno meno, e non sono previste inversioni di tendenza per fine 2011.
Al punto che ''chiudere l'anno con una crescita zero sarebbe un risultato positivo'', sottolinea Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente dell'Upa (Utenti pubblicita' associati) in occasione dell'assemblea annuale dell'associazione. L'unico segno positivo e' per il segmento Internet, che secondo le previsioni dell'Upa archiviera' il 2011 facendo registrare un incremento della raccolta pubblicitaria del 18%. Segno meno, invece, per tutti gli altri segmenti: la raccolta sulla tv chiudera' l'anno con una flessione dell'1,5%, i periodici perderanno il 2,5%, la stampa quotidiana il 3. Calo ancora piu' vistoso per radio, affissione e cinema, che secondo le stime di Upa perderanno sul terreno il 7% della raccolta pubblicitaria. ''Il risultato finale fa zero'', spiega Sassoli de Bianchi convinto che le cause di questo arretramento siano da ricercare in un mix di fattori che vanno dalle difficolta' congiunturali derivanti dalla crisi economica alle criticita' tutte italiane: ''I consumi sono in calo, i risparmi degli italiani si sono drasticamente ridotti, la disoccupazione giovanile ha toccato livelli a dir poco imbarazzanti, e gli italiani sono un popolo che invecchia sempre di piu' e che percio' consuma sempre di meno''. I soli dati incoraggianti arrivano da internet, che ha ampiamente superato la radio raggiungendo anche in Italia una quota di mercato pari all'11% del totale. Dimostrazione, puntualizza ancora Sassoli de Bianchi che ''il paese si sta allineando all'Europa nonostante siamo ancora molto in ritardo sulla banda larga''. A voler prendere in considerazione i diversi settori, il 2011 registrera' una forte frenata degli investimenti dei grandi gruppi di telecomunicazione, Wind, Telecom e Vodafone da sempre ai primi tre posti della classifica italiana per investimenti pubblicitari. Sostanziale tenuta, invece, per l'alimentare, soprattutto per effetto dei forti investimenti in arrivo da grandi gruppi come Ferrero e Barilla, crescita positiva per tutto il comparto della cura della persona, mentre il settore auto e' stabile. Netto calo, infine, negli investimenti pubblicitari di banche, assicurazioni e servizi finanziari. L'Upa, insomma, intravede ancora molte nubi all'orizzonte: ''I prezzi della pubblicita' - osserva Sassoli de Bianchi - sono una conseguenza del rapporto tra domanda e offerta. Ovviamente calando la domanda si riesce anche a fare qualche buon affare ma non e' detto che per noi questa sia una situazione positiva. Per gli investimenti pubblicitari va bene quando aumentano i consumi''. (ASCA)
07/07/2011 07:16
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.