Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Magna Global: il digitale medium leader entro il 2017

Secondo i dati di Magna Global la crescita pubblicitaria continuerà nel 2016; il digitale dovrebbe superare la tv nel 2017. Aol e Iol beneficiano delle nuove partnership con significativi bacini di utenza per gli spazi online che gestiscono.
Si prospetta un anno positivo per il mercato pubblicitario, almeno stando ai dati recentemente diffusi da Magna Global, la media investment unit di Ipg Mediabrands. Nel 2015, a livello globale, si stima una crescita del 3,2% che rappresenta un rallentamento rispetto al 4,9% del 2014. In Italia, invece, il mercato ha avuto una sostanziale ripresa, che si esprime in una crescita dei ricavi dell’1,2%, significativa vista la continua contrazione degli ultimi quattro anni. Siamo ancora lontani dai numeri del 2008, quando il mercato valeva ben 8,9 miliardi di euro (oggi ne vale 7) ma di sicuro si avverte una ripresa che è trainata soprattutto dal digitale e dalla radio, cresciute entrambe dell’8%. Continua la ripida discesa della carta stampata, che perde il 6%, e la televisione registra invece un -0,8%. Per il nuovo anno, si prevede un +2,4% nel mercato del nostro paese che rappresenterebbe un’ulteriore ventata di aria fresca per il settore. Nello specifico, secondo Magna Global si vedrà una ripresa della televisione che dovrebbe attestarsi intorno al 2,1% ma, soprattutto, l’ulteriore crescita del digitale che si prevede attestarsi ancora sul +8% ed arrivare ad essere il medium principale entro la fine del 2017, quando dovrebbe arrivare a coprire il 38% del mercato contro il 37% della tv. Il mobile si conferma il canale principale nell’ambito digitale, rappresentandone già oggi il 33% e con la previsione di raggiungere il 55% nel 2018. Si tratta di un quadro interessante, soprattutto visto l’assetto assunto dagli afflussi di utenza sui portali online. Secondo i dati recentemente diffusi da Audiweb relativi al mese di ottobre, infatti, ci sono due player del mercato pubblicitario online che spiccano particolarmente. Si tratta di America Online (Aol) e di Italia Online (Iol) due importanti editori della rete che hanno anche concluso delle significative partnership per la distribuzione pubblicitaria quest’anno. Sotto le loro mani, si ritrova a passare la maggior parte del traffico online italiano: basti pensare che Iol attraverso i soli Libero e Virgilio arriva ad un parco utenti pari a cinque milioni e Aol arriva invece, con i vari portali Microsoft che hanno affidato a loro la distribuzione dei propri spazi pubblicitari, a 4,8 milioni di contatti. Purtroppo i dati Audiweb non riportano i bacini di utenza di Google e Facebook in Italia (che non li diffondono per ragioni interne) e quindi non è possibile fare un confronto con questi due colossi. Di sicuro, però, i due gruppi editoriali, con un tale bacino di utenza, sono una scelta allettante per chi vuole farsi pubblicità, soprattutto se veramente, come dicono le previsioni, il mercato confermerà la sua tendenza digitale. Secondo Vincent Letang, vicepresidente esecutivo di Magna Global, “le nuove generazioni fanno sempre più affidamento sul video on demand online per il video intrattenimento” e, per questo motivo, “sia l’offerta sia la domanda di impression sulla tv lineare” sono in diminuzione e questo porterà le vendite pubblicitarie dei media online a diventare “il primo fattore di contributo alle vendite di spazi già nel 2017”. Si tratta di una previsione forse un po’ azzardata, ma che senza dubbio apre ad un possibile scenario interessante nel prossimo futuro. (E.V. per NL)
14/12/2015 16:06
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
Come si evolve la società e l’economia nell’era digitale? Questa la domanda fondamentale cui cerca di rispondere il Digital economy and society index (Desi) pubblicato dalla Commissione Europea.
L’Italia è ultima in termini di evoluzione digitale della propria economia: lo dice il rapporto Digital Economy Society Index, presentato recentemente a Bruxelles.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.