Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, PwC: ripresa significativa degli investimenti già dal 2014. 51 miliardi da spendere in Italia nel 2017
 
La raccolta pubblicitaria ha subito cali rilevanti in tutta Europa e in particolare dei paesi UE più colpiti dalla crisi economica, tra cui l'Italia. 
Il mercato domestico, tuttavia, sebbene sia considerato molto più debole rispetto al resto del nostro continente, agli USA, al Far East e soprattutto alla rampante America latina (in primis il Brasile), è destinato a crescere a partire dal 2014. La positiva previsione viene dagli esperti di PricewaterhouseCoopers (network distribuito in 158 Paesi che si occupa di revisione di bilancio, advisory e consulenza legale e fiscale) ed è stata esplicitata nell'annuale outlook sulla spesa in media&entertainment nel mondo. Per gli analisti di PwC, «il mercato italiano sta affrontando difficoltà solo in parte legate all'andamento macroeconomico ancora negativo» e lo scenario futuro è costruito sulle positive previsioni di ripresa del pil nazionale attese a partire dal 2014. Esaminando su scala mondiale il mercato pubblicitario, gli esperti finanziari del colosso delle revisioni propongono stime che prevedono per il 2017 una spesa totale di 2.218 miliardi di dollari con gli USA in testa (632 miliardi), seguiti da Giappone (203 miliardi) e Cina (202 miliardi). Secondo i dati PwC il primo dei mercati europei resterà la Germania con 110 miliardi di dollari, seguita dal Regno Unito (104 miliardi). (M.L. per NL)
11/06/2013 07:53
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.