Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, radio traina ripresa 2015. Nel secondo semestre crescerà anche tv

La radio è stata l'apripista della ricrescita della raccolta pubblicitaria in Italia nel corrente anno (nel mese di marzo ha registrato un fenomenale - per i tempi - +7,7%), ma a breve seguiranno anche gli altri mezzi, con in testa la tv.
Lo sostiene il report Mediobanca anticipato da “Milano Finanza”, secondo il quale, dopo il calo su base annua del 5% nei primi due mesi - ricalcolato a -2% se si considera il totale degli investimenti nel digitale - dalla seconda metà del 2015 è previsto un recupero, con saldo positivo per fine anno. D'altra parte, nel mese di marzo le pmi sono ritornate ad investire, anche se ad aprile è stato registrato un rallentamento (che dovrebbe essere uno stop solo d'assestamento, posto che le proiezioni di maggio appaiono favorevoli al trend positivo). Secondo gli analisti del player finanziario milanese, a trainare la ripresa sarà soprattutto la tv, spinta dalla riforma della RAI che dovrebbe portare a una riduzione o all’eliminazione dei limiti pubblicitari. L'evento potrebbe innescare un circolo virtuoso, posto che se il servizio pubblico aumentasse i prezzi dei listini, Publitalia (Mediaset) dovrebbe seguirne le orme, estendendo poi il processo di recupero anche agli altri settori. Le simulazioni di Mediobanca indicano che i principali beneficiari del trend saranno soprattutto i gruppi Mediaset, Rcs, L'Espresso e Cairo (ma solo se La7 aumenterà il suo pubblico). L'operatore cita anche le previsioni di Vittorio Bonori, ad di ZenithOptimedia Italia, che indicano una (ulteriore) leggera crescita nel 2016 e 2017, potenziata dai video online e dai social media. (E.G. per NL)
15/05/2015 08:22
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.