Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Rallenta il decremento: gennaio a -2,8%, per merito della radio che cresce del +5% e della tv +1,6%
 
Il mercato pubblicitario italiano a gennaio è calato ancora rispetto allo scorso anno; ma il decremento è fortemente rallentato e, soprattutto, alcuni mezzi hanno invertito il trend, registrando finalmente il segno positivo (soprattutto la radio, +5%, e la tv, +1,6%).
Nel merito, gli investimenti a gennaio 2014 hanno registrato una perdita del 2,8%, con circa 12,6 milioni di euro in meno rispetto allo stesso mese del 2013. Dicembre, invece, si era concluso con un decremento del 4%. La colpa del segno negativo è ormai quasi esclusivamente della carta stampata. È quanto emerge da una ricerca effettuata da Nielsen. "Il primo mese dell'anno - spiega Alberto Dal Sasso, advertising information services business director di Nielsen - non si è aperto sotto i migliori auspici, considerando anche i 130 milioni in meno rispetto alla raccolta di dicembre. Ma i segnali positivi non mancano, dal momento che storicamente gennaio non è indicativo della tendenza: continua, infatti, il trend di riduzione dello scarto e il conseguente avvicinamento a quota zero, cominciato a ottobre 2013". Tra i media analizzati da Nielsen la tv registra un dato positivo, con una crescita dell'1,6% rispetta a gennaio 2013 e la quasi totalità degli operatori in attivo. Ad andare bene c'è anche la radio che raccoglie un +5%, nonostante negli scorsi mesi abbia mostrato prestazioni altalenanti, passando dal +15% di novembre al -­6% del mese successivo. Negativa, invece, la situazione della stampa, con i quotidiani fermi a -­15,1% e i periodici scesi a -­11,8%, allontanandosi di 10 punti percentuali dal -­21% di dicembre. Internet, per quanto riguarda il perimetro monitorato da Nielsen, diminuisce del 4,1% ma, come specifica Nielsen, si deve considerare che il settore si confronta con un mese che nel 2013 aveva fatto registrare la miglior performance di crescita dell'anno (+10%). Nonostante continuino ad avere segno negativo, migliorano le performance di cinema, direct Mail e outdoor, attestandosi tutti intorno al -­5% rispetto allo scorso anno. Calo considerevole, invece, per il mercato delle affissioni, sia transit che outdoor, entrambe in perdita del 30%. Nei settori merceologici, a gennaio 2014, calano auotomobili (-8,1%) e alimentari (-8,3%). Sono alcuni dei dati emersi da una ricerca effettuata da Nielsen. Risultano, invece, in crescita le telecomunicazioni, con un aumento del 13%, e i farmaceutici (+3,9%). "Guardando febbraio - spiega Alberto Dal Sasso, advertising information services business director di Nielsen - emerge un incremento del 4% degli spazi acquistati sui mezzi principali. Le indicazioni che arrivano dai 30 top spender sono comunque contrastanti. Alcuni brand di alimentari hanno lanciato nuove campagne e, insieme a automotive e pharma, hanno aumentato il numero di annunci pubblicitari. Allo stesso tempo, però, frenano tlc, toiletries e finanza. In queste ultime settimane capiremo se a queste indicazioni corrisponda anche una crescita in termini di investimento". (M.L. per NL)
 
20/03/2014 15:06
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.