Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. Segnali positivi da tutto il comparto. Dopo la radio, cresce anche la tv. Mediaset best player: + 7%
 
Dopo le buone notizie del comparto radiofonico, segnali positivi arrivano anche dal mercato della pubblicità televisiva. I dati Nielsen relativi al mese di ottobre 2014 certificano infatti l'inversione di tendenza della raccolta pubblicitaria anche nel comparto tv, sia a livello locale (da annotare - anche se non ancora certificato dall'istituto di ricerca - una curiosa inversione di tendenza sulle televendite, che tornano ad essere richieste, forse anche in conseguenza dei deludenti ritorni dalle innovative formule web), che nazionale.
In vista, in particolare, l'ottima performance di Mediaset che si distanzia dal mercato totale delle emittenti televisive ma anche dal confronto diretto con il principale competitor. "Un risultato decisamente migliorativo se comparato al mese di settembre comunicato con l'ultima trimestrale", fa sapere il gruppo di Cologno Monzese. Quanto al mese di novembre, la concessionaria Publitalia nel corso di un incontro con i clienti pubblicitari ha comunicato un'anticipazione sui dati di chiusura: la raccolta complessiva Mediaset di novembre segna una crescita di oltre il 7% rispetto a quella conseguita nel novembre 2013. Un risultato molto positivo per Mediaset e un segnale significativo nella direzione dell'auspicata ripresa degli investimenti pubblicitari. Il dato di novembre porterà l'andamento progressivo Mediaset gennaio-novembre intorno al -3,8%, quota a cui è previsto si assesti il risultato finale del 2014. "Questi risultati dimostrano che la strategia commerciale Mediaset orientata a privilegiare il valore degli spazi pubblicitari a medio-lungo periodo sta cominciando a produrre gli effetti attesi. In netta divergenza con le dissennate politiche di super-sconto praticate da alcuni manager di grandi emittenti, interessati unicamente a ottenere esiti di brevissimo termine, anche a costo di danneggiare la propria azienda e l'intero mercato", spiega una nota del Biscione. (E.G. per NL)
10/12/2014 08:25
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.