Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità, tv: indicatori segnalano crescita dei ricavi tra il 2 e il 4% nel 2015. Player aggressivi contribuiscono
 
Continuano i segnali positivi per il mercato pubblicitario televisivo nel mese di febbraio, che fanno presagire, per i prossimi mesi, una crescita dei ricavi della raccolta tra il 2 e il 4%.
Secondo il cfo di Mediaset Marco Giordani, in base alle stime positive degli analisti relativamente all’andamento delle vendite auto, al calo della disoccupazione e all’aumento della fiducia dei consumatori in Italia, il 2015 dovrebbe costituire il vero anno di svolta per il comparto. A contribuire al recupero, spiegano altri analisti, sono anche player tv particolarmente aggressivi, come il gruppo Discovery (che recentemente ha acquisito il canale 9 DTT dal Gruppo L'Espresso), oppure Sky, orientata a rafforzare in maniera massiccia la propria presenza nel digitale terrestre (dopo l'acquisizione del canale 27 da Class Tv si continua insistentemente a parlare di un interessamento per il canale 8, attualmente ospitante il marchio/palinsesto MTV). (E.G. per NL)
06/02/2015 08:56
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
In un articolo del 15 marzo, pubblicato sul blog ufficiale di Viacom (Visual & Audio Communications - conglomerato di media statunitense con vari interessi in tutto il mondo nei canali televisivi satellitari e via cavo), si legge: “Insieme a Fox Networks Group e Turner siamo lieti di annunciare la nascita di OpenAP, la piattaforma avanzata di rilevazione audience nel settore televisivo”.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.