Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Pubblicità. UMobile: è nata la divisione di UM Italia per la raccolta pubblicitaria su telefonini
Il 26 maggio è nata UMobile, nuova divisione di UM Italia, società di strategia e pianificazione media del gruppo IPG Interpublic Group of Companies.
La crescente diffusione di smartphone e tablet pc, che secondo i dati raccolti da Nielsen mobile company potrebbe arrivare a superare numericamente i cellulari tradizionali entro fine 2011, ha indotto il mercato pubblicitario a ricercare e creare nuove tipologie di comunicazione: ossia mobile e interattive. UMobile ha in cantiere progetti che utilizzano le nuove tecnologie di comunicazione quali veri e propri strumenti pubblicitari. A detta dell'a.d. Gianfranco Piccolo, infatti, il mezzo mobile è quello con il potenziale più alto (in termini di rendimenti pubblicitari) e anche se il mercato del mobile marketing è ancora poco sviluppato la nuova divisione punta sulla naturale propensione degli italiani per il cellulare (è cosa nota che la diffusione di telefoni cellulari in Italia sia una delle più alte al mondo). Per dare un’idea basti pensare che il 28% del totale dei cellulari presenti nel nostro Paese è rappresentato da smartphone. Dunque quasi un terzo degli italiani connessi telefonicamente possiede e sa utilizzare un dispositivo di ultima generazione, con tutte le opportunità e le applicazioni da esso offerte (dato effettivamente rilevante per comprendere la padronanza del mezzo mobile nel contesto della popolazione del Belpaese). La nuova unità del gruppo UM Italia, che tra i suoi clienti annovera marchi quali Vodafone, Microsoft ed Edison, considera le due principali aree di interesse dell’utente intrattenimento e informazione, basi di partenza obbligate per lo sviluppo di progetti di comunicazione sempre più interattivi. (M.C. per NL)
23/08/2010 14:55
 
NOTIZIE CORRELATE
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Nielsen, attraverso il proprio sito istituzionale, ha comunicato di volere avviare nel 2017 un sistema di misurazione degli ascolti dei podcast che sia funzionale ad un utilizzo da parte delle agenzie pubblicitarie.
Si chiama “Immagino”, ed è il servizio web creato da Nielsen in collaborazione con GS1, per analizzare con precisione i trend di consumo.