Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio 2 "caccia" la Gialappa’s: dopo 16 anni, addio alle loro esilaranti telecronache dei Mondiali di calcio
Era uno degli appuntamenti storici associati ai mondiali di calcio. La prima volta era stata negli Stati Uniti, nel 1994, quando sulla scia del successo stratosferico ottenuto dall’edizione di quell’anno di Mai Dire Gol, la Rai chiamò la Gialappa’s band per affidargli le telecronache – ovviamente in tono ironico – dei match della nazionale di calcio, su Radio 2.
La trasmissione fu chiamata Rai Dire Gol. Sono passati sedici anni e di ascoltatori, più o meno appassionati di calcio, i Gialappi ne hanno fidelizzati a centinaia di migliaia, con la loro ironia e il loro buongusto. Poi arriva un direttore di rete, un giorno, e decide che è ora di chiudere. E così sarà: in Sudafrica loro tre non ci saranno. Al loro posto la Rai ha deciso di lanciare, nel nuovo ruolo di telecronista, la tuttofare Simona Ventura: il tutto senza neanche preavviso. Il trio comico, infatti, cade dalle nuvole. E’ vero, comunque, che qualche schermaglia c’era già stata: la Gialappa’s, infatti, quest’anno non aveva commentato nemmeno il Festival di Sanremo. Quella però era stata una scelta ponderata, in virtù dell’offerta economica, che Marco Santin, uno del trio, non ha esitato a definire “bassissima”, nel corso di un’intervista rilasciata a Luca Dondoni per La Stampa. “Questa volta è stato peggio. – ha detto Santin - Noi e l'avvocato al quale affidiamo i nostri contratti siamo stati completamente tenuti all'oscuro di tutto. Cancellati, senza sapere neanche perché. Ora, il mio telefono è sempre stato acceso, così come quello dei miei soci e anche il cellulare del mio avvocato funziona benissimo. Tra l'altro, lo scriva, attualmente sono singolarmente in forza a Radio 2 con il programma mattutino Grazie per avermi scelto e il direttore Mucciante poteva farmi sapere qualcosa visto che sono un uomo della sua squadra”. Ma il comico è così imbestialito che ha deciso di rinunciare anche a questa trasmissione: “Visto che il direttore Mucciante che ho chiamato più volte non mi ha mai risposto al telefono, gli faccio sapere tramite lei che, vista la situazione, io e la mia compagna di trasmissione Nicoletta Simeone non rinnoveremo il contratto con Radio 2 per il prossimo anno. Magari a Mucciante non frega nulla ma prima che mi cacci lui me ne vado io”. Niente Mondiali con la Gialappa’s, quindi, scaricata ed arrabbiata. Loro si consoleranno con la trasmissione, partita ieri su Italia 1, Mai Dire Pupa. Quelli di Radio 2, a quanto pare, si consoleranno, invece, con il ritorno – possibile – di Fiorello. “Ho incontrato Fiorello – ha detto il direttore Mucciante, intervistato da Tv Sorrisi e canzoni, per il numero che andrà in edicola domani - e le condizioni sembrano esserci, ovviamente al termine del suo tour e dei progetti tv. Quindi dopo il 2010. Diciamo che da noi c'è ancora la cabina telefonica che utilizzava per il suo show. La trasmissione si chiamava "Viva Radio2", non riesco a immaginarla altrove”. (G.M. per NL)
 
26/04/2010 21:52
 

Con tanti campi...

Mucciante è riuscito in tre mesi a distruggere tutto quello che di buono aveva fatto Valzania, che aveva portato Radio2 tra le prime dieci di Audiradio... spero che la prossima Audiradio sprofondi Radio2 più in basso di Isoradio.
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.