Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, ascolti Radio Monitor 1° semestre 2015: crollo di R 101. Bene Virgin. Sempre prima RTL

Pubblicati i risultati dell’indagine Radio Monitor by Eurisko relativi al primo semestre 2015. Poniamo in confronto questa volta i dati sia col l’analogo periodo del 2014, che con l’ultimo semestre dell’anno scorso.
Al primo posto, ovviamente, trova conferma il brand RTL 102,5 con 6.737.000 ascolti in sostanziale identità sia con il primo semestre 2014 (6.805.000, -68.000) che col secondo (6.744.000). Segue ad un abisso di distanza (4.760.000) RDS, in crescita sia rispetto al 1° che al 2° semestre 2014 (4.663.000, pari +97.000 e 4.457.000), seguita da una Radio Dee Jay in ripresa per inerzia altrui con 4.677.000 ascolti (-12.000 rispetto ai 4.689.000 del 1° semestre 2014, che valevano il secondo posto e 4.436.000 nel 2° semestre 2014, a valere per il 4° posto). Brillante perfomance per la rampante Radio 105 che si colloca al 4° posto totalizzando 4.585.000 utenti (erano 4.445.000 nel 1° semestre 2014, pari a +140.000, valevole per il 5° posto e 4.390.000 nel 2° semestre 2014, con identità di posizione in classifica), seguita da una Radio Italia in calo (4.527.000 contro 4.550.000 del 1° semestre - che significano -23.000 - e 4.499.000 del 2° semestre, che erano valsi la collocazione al 2° posto per demerito di altri). Passo in avanti tutto da valutare di Radiouno, che rimane stabile al 6° posto pur aumentando gli ascolti (4.203.000 rispetto a 3.955.000 del 1° semestre, che significano +248.000 e a 3.955.000 del 2° semestre), seguita da Radiodue pure in crescita con dato a 3.023.000 (2.899.000 nel 1° semestre, pari a +124.000 e 2.770.000 nel 2° semestre), a dimostrare che i problemi di audience non erano certamente costituiti dalle diatribe interferenziali tuttora irrisolte. All’8^ posto ottimo risultato per Virgin Radio, che segna 2.331.000 ascolti in crescita rispetto ai 2.303.000 del 1° semestre (+28.000) e ai 2.285.000 del 2° semestre, a larga distanza da Radio 24, che non brilla per i calanti 1.962.000 utenti (1° semestre 2014 1.982.000 = -20.000, 2° semestre 2014 1.965.000) e soprattutto da Kiss Kiss, che racimola 1.835.000 teste (1.717.000 nel 1° semestre = +118.000 e 1.759.000 nel 2° semestre). Posizione sostanzialmente inalterata per la 2° rete per importanza, ma ultima per diffusione, di Elemedia, m2o, che annota 1.709.000 ascolti (1.730.000 nel 1° semestre, che stanno per -21.000 e 1.678.000 nel 2°), mentre scende Radio Capital ponendosi al 12° posto con 1.656.000 (1.789.000 nel 1° semestre 2014, valevole per il 10° posto con -133.000 e 1.702.000 nella seconda parte del 2014). Disastro per la problematica R 101, cui evidentemente non ha fatto effetto la cura Volanti, che, anzi, ha acuito la debilitazione, portando il dato a soli 1.568.000 (1.659.000 nel 1° semestre 2014, pari a -91.000 e 1.714.000 nel 2° semestre), quasi prossimi a Radiotre in leggera ripresa (1.386.000 contro 1.371.000 del 1° semestre, che stanno per +15.000 e 1.261.000 del 2° semestre 2014). Conclude la classifica sopra il milione RMC con 1.162.000 (1.222.000 nel 1° semestre, pari a -60.000 e 1.158.000 nel 2° semestre), mentre al di sotto troviamo la new entry Isoradio con 766.000 utenti e la nazionale, per titolo, Radio Padania con 119.000 ascolti. (M.L. per NL)
07/07/2015 13:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.