Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, Australia, presentatore ABC realizza l'intervista più lunga della storia: 24 ore filate
Un presentatore della radio nazionale australiana Abc ha conquistato un record mondiale per aver condotto l'intervista radio o Tv piu' lunga della storia: 24 ore dalle 10.00 di ieri, domenica, alle 10.00 di stamattina (locali).
Alla fine dell'intervista ai due 'eroi'sono stati consegnati un certificato ufficiale e un trofeo, accompagnati da una torta e una bottiglia di champagne. Il record precedente di 12 ore e 30 secondi apparteneva a uno spagnolo, che lo aveva stabilito a Madrid nel 2009. (ANSA)
13/12/2011 07:26
 
NOTIZIE CORRELATE
L’attuale assenza di un sistema ufficiale di rilevazione dell’andamento degli ascolti radiofonici universalmente condiviso, a seguito della messa in liquidazione di Audiradio e della sospensione della pubblicazione dei dati di ascolto da parte della stessa, è in grado di generare delle gravi ripercussioni sull’andamento del mercato della raccolta pubblicitaria sul mezzo radiofonico.
Tempi duri per le emittenti radiofoniche. Oltre ad essere sottoposte a controlli sempre più frequenti dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni in merito al pagamento dei canoni di concessione, le radio non potranno ricevere i contributi previsti dal D.M. 225/2002 qualora risultassero debitrici per i canoni non versati.
"Una percentuale molto significativa di ascoltatori della radio è probabilmente concentrata su determinati network o stazioni, che sanno come fidelizzare audience di grandi dimensioni, magari per raggiungere i loro legittimi obiettivi pubblicitari".
“L’autorizzazione di cui all’articolo 3, comma 12, del regolamento recante la nuova disciplina della fase di avvio delle trasmissioni radiofoniche terrestri in tecnica digitale di cui alla delibera n. 664/09/CONS costituisce titolo per effettuare la trasmissione simultanea su frequenze televisive digitali terrestri del palinsesto diffuso dallo stesso soggetto su reti radiofoniche terrestri in tecnica analogica (…)”.
Pochi giorni fa il centro di ricerca svizzero EBU (European Broadcasting Union) ha reso noto i risultati di una ricerca sul mercato della radiofonia pubblica, effettuata in ventitre paesi europei – comunitari e non –, con l’eccezione di pochissime realtà (Svizzera, Slovacchia, Danimarca, Bulgaria, Islanda, per motivi legati alla mancanza dati certi, a causa di differenze nelle metodologie di rilevazione).