Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Boutade di fine anno: pianificazione delle frequenze FM e nuovo censimento

A fine anno, si sa, qualcuno vuol sempre giocare coi botti, rischiando di farsi molto male. La metafora introduce l’ennesima follia suggerita da qualcuno che forse non aveva niente di meglio da scrivere, auspicando l’approvazione del piano di assegnazione delle frequenze analogiche per la radiodiffusione sonora, magari previo nuovo censimento impiantistico.
Improbabile che qualcuno presti attenzione ad un suggerimento del genere, ma, visto che l’Italia è il paese della creatività giuridica, meglio allora esporre qualche considerazione che porti a delle opportune, preventive, riflessioni. Prima osservazione: in venticinque anni di autoregolamentazione a titolo oneroso, la modulazione di frequenza ha raggiunto una sostanziale stabilità; la stessa condizione era stata conseguita dal comparto tv analogico. L’integrale riscrittura intervenuta con la migrazione alla tecnologia digitale ha poi introdotto un numero tale di variabili (diritti d’uso assegnati, modificati, revocati e riassegnati in continuazione) che ha reso il settore instabile, non programmabile a livello economico-finanziario (investimenti a medio-lungo termine) e ingestibile sul piano commerciale (i 600 soggetti attivi in analogico sono diventati 3500 in digitale a fronte di una contrazione delle risorse economiche complessive). Anche limitandosi ad una valutazione di ordine tecnico, la gestione ministeriale delle assegnazioni frequenziali televisive è risultata assolutamente inefficace, sicché pensare che con la radio le cose potrebbero andare diversamente è un’utopia. Seconda valutazione: un nuovo censimento non recherebbe alcun valore aggiunto, posto che i dati sono ormai acquisiti con elevata affidabilità dagli Ispettorati territoriali del Mise, sicché una nuova fotografia immetterebbe con ogni probabilità solo autocertificazioni che dovrebbero essere vagliate con dispendio di tempo e risorse economiche pubbliche e private. Terza considerazione: la radio digitale si sta assestando - anche se non nella direzione del DAB-T ma del più plausibile streaming online - sicchè dedicare attenzione ad una pianificazione analogica sarebbe anche in questo caso un dispendio inutile di tempo e risorse che potrebbero essere destinate ad altre necessità più impellenti. In conclusione, se proprio la penna prude tra le mani, meglio utilizzarla per scrivere gli auguri di buon anno. (M.L. per NL)
04/01/2016 11:54
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.