Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio. Class Editori: j.v. con HMI (Cina) per superstation italiana
 
Class Editori ha siglato ieri una joint venture con Italian International Radio and Media, società radiofonica di diritto italiano che fa riferimento al gruppo cinese HMI.
L'accordo prevede che Class Editori ceda un ramo di azienda della superstation captive Radio Classica (con asservite frequenze FM in alcune grandi metropoli italiane) a una Newco il cui capitale sarà al 51% di IIRM e al 49% della società italiana. L'operazione, del valore totale della Newco di 5 milioni di euro, rientra nel programma di sviluppo, da parte del gruppo cinese, delle attività radiofoniche nel mondo, e nella strategia di Class Editori di sviluppo da parte del gruppo cinese, delle attività radiofoniche nel mondo, e nella strategia di Class Editori di sviluppare attività con importanti partner cinesi e internazionali. “Siamo lieti di aver realizzato, con questa joint venture, un vero sistema multimediale e di commercio digitale con partner cinesi, il primo in assoluto tra le aziende editoriali italiane", ha dichiarato Paolo Panerai, vicepresidente e amministratore delegato di Class Editori. La joint venture in campo radiofonico segue alla partnership con Xinhua News per le attività nel campo delle newswires, della televisione e dei magazine per i turisti cinesi in Italia (sistema Eccellenza Italia); alla collaborazione con China National Garment Association e China Fashion Association e con il sito NetEasy (uno dei primi in Cina per unique users) nel campo della comunicazione per l’abbigliamento e della moda; alla cooperazione con CCIG Mall, la prima piattaforma di e-commerce b2b cinese, con Class Editori nel ruolo di agente esclusivo per i contenuti e la vendita della pubblicità in Italia e di fornitore principale e agente principale per il settore food and beverage, agente principale per la moda, accessori e design attraverso la controllata CceC. (M.L. per NL)
 
 
 
20/11/2014 06:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
I cinesi ci provano anche con la radio digitale, lanciando un DAB in FM (ma adattabile anche alle onde medie), con un formato, chiamato CDR (China Digital Radio), che si sovrappone alla consolidata tecnologia USA HD Radio e al DRM (qui i dettagli comparativi).
Dopo la joint venture definita nei giorni scorsi con il gruppo Class Editori relativamente alla superstation captive Radio Classica (diffusa in vaste aree del nord, centro e sud Italia), di cui abbiamo dato conto su queste pagine, la Italian International Radio and Media ha definito un'altra importante operazione.
Si muovono nelle aree oscure del web e sono le spie del XXI secolo. Attaccano velocissimi il cuore pulsante dei dati delle organizzazioni e delle imprese per carpirne i segreti.