Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, concessionarie nazionali pubblicità: ottimismo e fermento per il 2014
 
Le principali concessionarie di pubblicità, incontratesi l'altro giorno a Milano in occasione del convegno RadioCompass, si sono mostrate ottimiste su una progressiva ripresa del mercato già nel corrente anno.
24Ore System (Radio 24), 99 Pubblicità-Finelco (R 105, RMC e Virgin), Manzoni-L'Espresso (Radio Dee Jay, Capital ed m2o), Openspace (RTL 102,5) e RDS Advertising (RDS) dichiarano "ottimismo" e "fermento". Fermento che si registrerebbe anche in alcune successioni di poltrone. Secondo il quotidiano specializzato Today Pubblicità Italia, per esempio, Massimo Soleri, "direttore centrale radio e tv della concessionaria del Gruppo Espresso, sarebbe in uscita; in arrivo Antonio Graziano attuale direttore commerciale di RDS Advertising". Sul fronte dell'andamento della raccolta, secondo Fausto Amorese, direttore RadioSystem del Gruppo Sole 24 Ore, “Il primo semestre 2013 è stato tremendo con una perdita del 15%, per il secondo trimestre puntavamo al pareggio con la chiusura 2012 e ci siamo quasi riusciti. L’ultimo trimestre 2013 è andato benissimo, attorno a +20%. Secondo i dati FCP la probabile chiusura del mercato sarà di -8%. Hanno ripreso a investire tutti i comparti merceologici principali: banche, finanza, assicurazioni, anche auto e tlc, che restano però al di sotto delle loro medie di settore. In Radio 24 cresce l’area tecnologia e software, anche a inizio 2014, che sale a doppia cifra anche se con un dato leggermente inferiore rispetto all’ultimo trimestre 2013”. Gli fa eco Marco Mordonini, direttore commerciale di 99 Pubblicità: “Mi auguro che i clienti leggano la fotografia fatta da Mindshare che dipinge la radio come mezzo imprescindibile da un piano media. Il 2013 è chiuso bene, a +4,3%, grazie alla vitalità di Radio 105 e Virgin Radio, mentre RMC ha performato meglio del mercato ma con un leggero segno negativo. L’apertura 2014 è rassicurante: va molto bene Virgin Radio che chiude gennaio a+8% sull’analogo mese 2013, mentre la chiusura totale è ipotizzabile tra il 4 e il 5%”. (E.G. per NL)
 
20/01/2014 08:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Cambierà il mercato pubblicitario radiofonico locale e superlocale secondo un processo per certi versi affine a quello che ha interessato il mercato discografico?
L'Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di Dicembre 2016.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Secondo i dati dell'Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità) la radio ha registrato anche nel mese di agosto un trend positivo nella raccolta pubblicitaria nazionale, segnatamente del +7% rispetto al 2015.
Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.