Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio, dati d'ascolto: pubblicato 2° semestre 2014 Radio Monitor. Perdono (quasi) tutti. Ma Deejay è dato più eclatante
 
Pubblicati i nuovi dati Eurisko relativi al 2° semestre 2014, che registrano un calo generalizzato degli ascolti sul medium radiofonico (oggi a 33.883.000).
Al primo posto, come sempre, troviamo RTL 102,5 con 6.744.000 ascoltatori nel giorno medio (sostanzialmente stabile, registrando un -61.000 su un valore assoluto così alto da rendere la variazione impercettibile), seguita da Radio Italia Solo Musica Italiana con 4.499.000, cresciuta per demerito altrui, avendo registrato -51.000 rispetto ai primi 6 mesi del 2014. Al terzo posto per analogo motivo RDS (4.457.000 utenti), visto il calo di 206.000 ascolti, tallonata da Radio Dee Jay, con un voto in pagella deludente (per usare un eufemismo che potrà alleviare un poco il presumibile clima tempestoso di queste ore in Via Massena), che l'ha fatta precipitare al 4° posto con 4.436.000 (dopo aver perso ulteriori 253.000), con - a complicare le posizioni del management de L'Espresso - brutte performance anche per le altre radio del gruppo (Radio Capital ed m2o, come diremo di seguito). Lieve discesa per Radio 105 (gruppo Finelco), che registra 4.390.000 teste (55.000 ascoltatori in meno), ampiamente davanti a Raiuno (3.955.000, stabile) e, soprattutto, a Raidue con soli 2.270.000 (-129.000). Tiene bene la seconda radio Finelco Virgin Radio con 2.285.000 (-18.000), che comunque distacca fortemente, alla posizione successiva, Radio 24, radicata a 1.965.000 (-17.000). Corrono a breve distanza tra loro Kiss Kiss (1.759.000, raro segno positivo con +42.000), R 101 (1.714.000, pure in crescita di 55.000 unità), Radio Capital con segno negativo (1.702.000, con ben 87.000 ascoltatori in meno) insieme alla terza nota dolente per Elemedia, m2o (1.678.000 = -52.000). Concludono la classifica Radiotre con 1.261.000 (-110.000), Radio Maria  a quota 1.222.00 (mai così in basso come questa volta, con -160.000), una RMC (by Finelco) bisognosa di cure con 1.158.000 ascolti (-64.000) e le nazionali per titolo giuridico Radio Radicale a 209.000 (-66.000) e Radio Padania a 128.000 (+16.000). (M.L. per NL)
17/02/2015 10:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
Mediaset ha già travolto il mercato radiofonico italiano: un settore che dà continui segni di stanchezza sia nell’approdo in nuove tecnologie che da un punto d’invecchiamento dell’utenza e assenza di un ricambio generazionale nella produzione. Tutte queste problematiche sembrano convergere su di una causa comune: il web.
Giglio Group (Aim Italia-Ticker GGTV), prima società di e-commerce 4.0, annuncia tre nuovi importanti accordi siglati a livello nazionale nell’ambito Broadcast &Telco, per il prossimo triennio.