Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale: anche RAI investe nella direzione degli smartphone (iPhone in testa)
La direzione Radio Rai, in collaborazione con Raitrade, ha sviluppato un’applicazione che permette ai possessori dello smartphone di poter ascoltare e interagire con i programmi di RadioRai.
L’applicazione, informa una nota, è disponibile gratuitamente e offre agli utenti la possibilità di accedere a tutti i contenuti di Radio1, Radio2, Radio3, Isoradio, Gr Parlamento, Filodiffusione e Programmi per l’estero in completa mobilità. Questa applicazione, disponibile per ora solo per la piattaforma Apple, ma a breve anche per gli altri smartphone, consente di raggiungere un nuovo pubblico, sia in Italia che all’estero, che utilizza abitualmente terminali evoluti connessi ad internet, con i quali da oggi si può non solo ascoltare il proprio canale RadioRai preferito in piena libertà di movimento, ma anche di creare attraverso il podcast un proprio palinsesto personalizzato. Attraverso l’applicazione è possibile interagire con i programmi in diretta inviando sms ai conduttori e ascoltare in anteprima la playlist musicale di tutti i nostri canali. ‘Tutta la Radio in tasca’ è una nuova realtà che si inserisce nella complessa offerta multimediale di Radio Rai, costituita dal portale Internet www.radio.rai.it e da otto sottoportali che rendono fruibili online i contenuti dei canali Rai, generando così un traffico di oltre tredici milioni di pagine viste al mese (dato di Marzo 2010 - Fonte Site Census Nielsen). Inoltre, tutti i programmi delle tre reti Rai e di Gr Parlamento sono disponibili anche in podcast per l’ascolto su lettori portatili mp3 o sul computer e la fruizione di questa tipologia di radio “on demand” ha superato ampiamente il milione di download al mese (1.453.000 download nel mese di Marzo 2010). (fonte Apcom)
26/04/2010 20:14
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.