Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. Antitrust: mettere a gara banda L (DAB) per sviluppo broadband. Agcom: attenzione però alle prospettive di introito per lo Stato
 
In materia di frequenze occorre "rendere disponibili le porzioni di spettro oggi sottratte al mercato". Lo ha detto il presidente dell'Antitrust, Giovanni Pitruzzella intervenendo al convegno 'Economia dello spettro e innovazione regolamentare'.
Pitruzzella ha ricordato sul tema la segnalazione fatta dall'Antitrust in relazione alla legge della concorrenza 2013. In quella occasione "segnalammo l'opportunita' di mettere a gara la banda L", ovvero la banda destinata originariamente alla radio digitale: "Ribadiamo - ha aggiunto - la nostra proposta". Il presidente dell'Antitrust ha poi sottolineato che "in Europa c'e' una larga porzione di spettro sottoutilizzata o inutilizzata". Allo stesso tempo "c'e' stato il grido di allarme della Kroes sullo spectrum crunch in Europa. La domanda di capacita' di banda rischia di non essere soddisfatta la potenziale offerta". In questo scenario secondo Pitruzzella e' "necessaria una policy che punti a incrementare la banda fissa e mobile". Secondo il numero uno dell'Antitrust "un meccanismo interessante e' la condivisione dello spettro inutilizzato tra l'attuale e il potenziale utilizzatore. Si potrebbero definire diritti d'uso condizionati". Sempre allo scopo di evitare lo spectrum crunch "si potrebbe anche riflettere sulla rilevante capacita' di spettro riservata a usi pubblici che potrebbe essere rimodulata a uso del mercato, anche recuperando risorse significative per il bilancio pubblico". "Un uso efficiente dello spettro ci impone un'utilizzazione attenta e razionale", ha invece osservato il commissario Agcom, Antonio Preto. "Lo spettro - ha aggiunto Preto - dovra' andare a chi lo usa e non devono essere consentite le rendite di posizione". Secondo il commissario, lo spettro puo' essere una risorsa dello Stato ma "bisogna essere prudenti" sulle valutazioni di un potenziale introito. Preto ha ricordato che, riguardo alle frequenze ex beauty contest erano state fatte "stime irrealistiche, oggi e' atteso un introito molto minore, di qualche centinaio di milioni di euro secondo le previsioni che circolano". In conclusione, Preto ha sottolineato che "in attesa della crescita della domanda mobile operatori e produttori di tecnologia devono operare assieme per sfruttare tutti gli spazi disponibili delle frequenze assegnate". (M.L. per NL) 
25/10/2013 08:57
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.