Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale: Club Dab Italia, il DAB+ parte in Trentino
"Finalmente il digitale radiofonico dopo l'Europa arriva definitivamente in Italia grazie all'impegno di un gruppo di importanti editori radiofonici privati nazionali".
Cosi' il Presidente del Club DAB Italia, Fabrizio Guidi, dopo la presentazione del servizio radiofonico digitale a Trento. L'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni ha pianificato, infatti, le frequenze da destinare a questo servizio che ha gia' trovato indiscussa applicazione in tutta Europa. La prima area digitale sara' il Trentino per il quale il Ministero ha rilasciato i diritti d'uso delle frequenze della banda VHF III. "I nuovi programmi digitali saranno in etere entro la fine di quest'anno" affermano i tecnici del Club DAB Italia, primo operatore di rete digitale radiofonico italiano. Gli attori del nuovo sistema radiofonico si sono raccolti in societa' consortili per poter meglio sfruttare tutte le opportunita' che questa tecnologia offre. Il Club DAB Italia, societa' consortile composta da importanti imprese radiofoniche private nazionali facenti capo ai maggiori gruppi editoriali (Espresso - Mondadori e Sole 24 ore) oltre ad editori indipendenti come Radio Radicale, RDS e Radio Maria ha gia' ottenuto il nulla osta per l'avvio della realizzazione della prima rete nazionale in tecnica digitale, che partira' , come prevede l'Agcom, proprio dal Trentino. Insieme alle radio nazionali due consorzi di emittenti locali, tra le piu' ascoltate in Trentino, hanno ottenuto il riconoscimento per l'avvio delle loro trasmissioni digitali. Insieme ai privati anche la Concessionaria pubblica Rai sara' impegnata nell'avvio di questa nuova tecnologia. Il Presidente del Club DAB Italia, Fabrizio Guidi, ha aggiunto: "Il progetto Trentino e' importante proprio perche' rappresenta il superamento delle trasmissioni sperimentali e l'avvio delle diffusioni ordinarie. Un cammino che portera' presto alla digitalizzazione della radio". Un impegno ancor piu' significativo proprio per il momento critico che il Paese sta attraversando, un segnale importante della volonta' di investimento e di innovazione che le imprese che partecipano al Club DAB Italia vogliono dare per il rinnovamento della radio, un mezzo, come testimonia il dato che assegna all'ascolto in mobilita' il 72% dello share radiofonico. Con la tecnologia DAB+ gli ascoltatori della radio avranno la possibilita' di ricevere un segnale audio di elevatissima qualita' senza interferenze. In aggiunta avranno servizi ed informazioni in tempo reale. In particolare e' stato annunciato il lancio dei servizi per la mobilita' ed il traffico con il sistema TPEG. Un'innovazione che collegata agli attuali sistemi di navigazione terranno gli automobilisti costantemente aggiornati su tutte le condizioni del loro viaggio, non solo traffico ma anche notizie, indicazioni turistiche e di servizio per viaggiare in totale sicurezza e senza alcun costo aggiuntivo. (E.G. per NL)
 
19/10/2012 17:03
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.