Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. EchoStar interessata a Sirius XM. Per farne che?
Cresce la curiosità degli analisti e commentatori finanziari sulle manovre dell'operatore satellitare EchoStar in direzione di una possibile conquista di Sirius XM
 
(Radio Passioni) - Cresce la curiosità degli analisti e commentatori finanziari sulle manovre dell'operatore satellitare EchoStar in direzione di una possibile conquista di Sirius XM, la radio digitale satellitare di Mel Karmazin nota più per l'ammontare dei suoi debiti che per il numero di abbonati. Il tycoon di EchoStar, Charlie Ergen, è stato un giocatore di poker professionista e secondo questa lunga corrispondenza Reuters, ha sempre avuto fiuto per i buoni affari. Quando EchoStar ha cominciato a rastrellare il debito di Sirius subentrando ai suoi creditori (sarebbero già 400 i milioni di dollari passati di mano) tutti hanno cominciato a chiedersi che cosa avrebbe l'azienda di Ergen della sua possibile preda. Si dice che i satelliti Sirius XM potrebbero servire per lanciare nuovi servizi di televisione mobile. Che a EchoStar fanno gola i ripetitori terrestri (gap filler) impiantati da Sirius XM per diffondere il segnale nelle aree urbane con alti edifici e gallerie. A far da tramite per la scalata ci sarebbe Joseph Clayton, ex dirigente di Sirius Satellite, passato a EchoStar nell'ottobre scorso.

EchoStar may seek Sirius with eye on mobile video
Fri Feb 6, 2009

By Franklin Paul and Yinka Adegoke - Analysis

NEW YORK (Reuters) - EchoStar chief Charlie Ergen's surprising interest in Sirius XM Radio Inc belies his ambition to liberate his satellite television service from the living room into cars and mobile devices.
According to the Wall Street Journal, EchoStar holds about $400 million of Sirius XM debt, and the satellite radio company led by Mel Karmazin is scrambling to raise $175 million by a February 17 payment date to fend off a possible takeover threat and avoid default.
Analysts say any deal would hinge on a name from Sirius' not-so-distant past: Joseph Clayton, the former chief executive of Sirius Satellite Radio, which combined with XM Satellite Radio last year. Clayton joined EchoStar's board last October.
It is unclear what Ergen's interest in Sirius XM might be as his two companies declined to comment. He may want control of Sirius XM as a whole.
Another possibility is a debt-derived takeover in which EchoStar would become a secured debt holder with an eye on specific technology assets should Sirius seek bankruptcy protection.
Or Ergen could simply see the company as a cheap investment. Sirius' market capitalization has plunged to about $580 million, or below 20 cents a share, due in part to its heavy debt obligation and concerns about growth prospects.
(continua)

 
09/02/2009 07:31
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.